laRegione
29.11.22 - 18:35
Aggiornamento: 20:44

Sergio Mattarella accolto con gli onori militari

Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni

Ats, a cura di Red.Web
sergio-mattarella-accolto-con-gli-onori-militari
Keystone
’Faccia a faccia’

Il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella, in Svizzera per una visita di Stato di due giorni, è stato accolto oggi pomeriggio con gli onori militari in Piazza federale a Berna. Presente il Consiglio federale al completo.

"Questo incontro è motivo di profonda soddisfazione, i rapporti tra Italia e Svizzera sono naturali, ampi e intensi", ha detto Mattarella, citato dall’Ansa, prima dei colloqui con il presidente della Confederazione Ignazio Cassis. "La Svizzera è stata per secoli terra di accoglienza per i profughi" ed è proprio, ha aggiunto, "l’armoniosa convivenza di culture e lingue diverse che rappresenta l’elemento più prezioso del modello svizzero ed è una peculiarità costitutiva che la Confederazione ha saputo tutelare e valorizzare, offrendo un esempio di perdurante attualità: una patria costituita da tante nazioni".

Da parte sua Cassis ha evidenziato che "abbiamo rapporti intensi con i nostri vicini. Il Gottardo lo dobbiamo in gran parte ai minatori italiani, con sforzi e sacrifici per inaugurare il tunnel nel 1882. Non perdiamo l’ambizione di spianare le montagne, avvicinando il Nord al Sud. E voglio onorare l’impatto che migliaia di lavoratori italiani hanno avuto nella nostra storia, hanno contribuito più di altri al successo della Svizzera".

"Voglio poi salutare gli oltre 80’000 frontalieri che danno un contributo fondamentale al benessere della Svizzera e dell’Italia. I passi avanti fatti sulla questione dimostrano che c’è la volontà di trovare soluzioni soddisfacenti per entrambi", ha sostenuto il ticinese secondo quanto riferisce l’Ansa.

Il capo dello Stato italiano si è soffermato pure sulle relazioni tra Svizzera e Unione europea, affermando che "la collaborazione sempre più stretta (...) rappresenta un valore alla cui crescita tutti siamo chiamati a contribuire. La decisione di porre fine al negoziato sull’accordo quadro istituzionale ha rappresentato, in questo senso, una battuta d’arresto. È vivo auspicio dell’Italia che il confronto possa presto riprendere su nuove e più robuste basi", ha affermato Mattarella.

"Si tratta di conservare e ulteriormente approfondire – ha spiegato – quel percorso virtuoso e, per certi versi, unico, che ha caratterizzato, sin dagli anni Novanta, il coinvolgimento della Svizzera nel più ampio progetto di condivisione dell’acquis comunitario nelle libertà fondamentali, nel rispetto delle opzioni che la Confederazione riterrà di fare proprie."

A suo dire "lo sviluppo di relazioni sempre più strette tra Berna e l’Unione europea non solo non va abbandonato, ma, anzi, va coltivato con ancora maggiore convinzione. Unione europea e Confederazione sono partner necessari, affidabili, amici, interdipendenti, uniti da un destino comune dettato dalla appartenenza alla civiltà europea".

In base a informazioni del Dipartimento federale degli affari esteri sono ora in programma colloqui ufficiali al Bernerhof, oltre che con Cassis, con i consiglieri federali Simonetta Sommaruga, Viola Amherd e Guy Parmelin. Le discussioni verteranno sulle relazioni bilaterali, sulla sicurezza in relazione alla guerra in Ucraina, sulla politica europea e sui lavori del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Al termine dei colloqui è prevista una conferenza stampa congiunta.

Stamani Mattarella aveva visitato in forma privata, accompagnato da Cassis, il Centro Paul Klee e la cattedrale di Berna. Questa prima giornata di visita si concluderà con la tradizionale cena di gala a Berna. Domani, il capo di Stato italiano e Cassis si recheranno al Politecnico federale di Zurigo per una visita dedicata all’innovazione e all’imprenditorialità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
6 ore
Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica
Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
7 ore
Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr
Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
8 ore
I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese
Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
9 ore
Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano
A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
11 ore
L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione
Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
1 gior
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
1 gior
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
© Regiopress, All rights reserved