laRegione
01.10.22 - 17:26
Aggiornamento: 22:33

Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri

Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini

Ats, a cura di Red.Web
un-velo-indossato-male-e-la-morte-il-grido-degli-svizzeri
Keystone
Per non dimenticare

Anche in Svizzera sabato più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle proteste in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini.

A Zurigo, un migliaio di persone ha manifestato in parte sotto la pioggia battente, mentre a Berna 200 manifestanti si sono riuniti davanti all’ambasciata iraniana, hanno potuto constatare giornalisti di Keystone-Ats. In serata un’altra manifestazione è prevista a Ginevra.

A Berna, la polizia ha arrestato un manifestante che ha tolto la bandiera iraniana dal terreno dell’ambasciata. Non si sono verificati incidenti gravi.

Grido di protesta

I manifestanti hanno innalzato cartelli e scandito tra l’altro "Via via via - il Mullah deve andarsene". A Zurigo c’erano fra i manifestanti anche politici, tra cui il consigliere nazionale Balthasar Glättli (Verde) e la consigliera nazionale Min Li Marti (Ps).

Ricordiamo la tragica vicenda: il 13 settembre scorso la ventiduenne Mahsa Amini è stata arrestata a Tehran dalla polizia religiosa, dove si trovava con la sua famiglia per fare acquisti, a causa della mancata osservanza della legge sull’obbligo del velo, in vigore dal 1981. Dopo essere stata arrestata per aver indossato l’hijab in modo non adeguato (forse considerato troppo allentato) e condotta presso una stazione di polizia, la giovane è in seguito deceduta in circostanze sospette il 16 settembre, dopo 3 giorni di coma, suscitando l’indignazione dell’opinione pubblica.

La ragazza presentava ferite riconducibili a un pestaggio, nonostante le dichiarazioni della polizia affermassero che era deceduta a seguito di un infarto. Testimoni oculari hanno affermarono che era stata picchiata e che aveva battuto la testa. L’incidente avrebbe causato un’emorragia cerebrale. La morte di Mahsa Amini è diventata un simbolo di violenza contro le donne sotto la Repubblica islamica dell’Iran. Il presidente Ebrahim Raisi ha chiesto al ministro dell’Interno Ahmad Vahidi di aprire un’indagine sull’accaduto.


Leggi anche:

La rivoluzione contro il velo

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
Svizzera
4 ore
In Svizzera c’è una grave carenza di personale specializzato
In difficoltà soprattutto i settori della sanità, dell’informatica e delle scienze ingegneristiche. A rilevarlo il relativo indice di Adecco
Svizzera
6 ore
A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023
Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
7 ore
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consiglieri federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
Svizzera
19 ore
Consiglio degli Stati, Brigitte Häberli-Koller eletta presidente
La turgoviese del Centro prende il posto di Thomas Hefti (Plr/Gl) che ha deciso di non presentarsi alle elezioni federali del prossimo ottobre
Svizzera
19 ore
Pirati della strada, pene severe ma eccezioni possibili
Dopo il Nazionale, marcia indietro anche agli Stati sull‘attenuazione delle pene. Si introducono però attenuanti per chi sgarra per la prima volta
Svizzera
20 ore
Saranno quasi 200 i milioni di franchi destinati all’ambiente
Lo ha deciso il Consiglio degli Stati per 29 voti a 16, approvando una proposta di minoranza della verde Adèle Thorens Goumaz
Svizzera
1 gior
Nessuna sanzione disciplinare contro Roger Köppel
Il consigliere nazionale Udc era sospettato di aver violato il segreto d’ufficio per alcune dichiarazioni sul suo canale video
Svizzera
1 gior
Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna
Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
1 gior
Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle
Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
© Regiopress, All rights reserved