laRegione
21.09.22 - 13:48
Aggiornamento: 16:50

Covid, il debito va sanato senza toccare le eccedenze passate

Anche il Consiglio nazionale avalla la variante già fatta sua dagli Stati. Il passivo andrà assorbito entro il 2035

Ats, a cura di Red.Web
covid-il-debito-va-sanato-senza-toccare-le-eccedenze-passate
Keystone
Si farà capo anche ai proventi supplementari della Bns

I due rami del parlamento hanno trovato un accordo in merito alla riduzione del debito legato alla pandemia di Covid-19. Dovrà essere assorbito entro il 2035, senza far capo agli eccedenti di bilancio del passato. Oggi il Consiglio nazionale ha approvato la variante già scelta dagli Stati. A far pendere l’ago della bilancia, Plr e Centro. L’oggetto è pronto per le votazioni finali.

Stando alle previsioni, a fine anno il debito ammonterà a 25-30 miliardi di franchi. Secondo le regole del freno all’indebitamento, questa spesa straordinaria dovrebbe essere rimborsata entro sei anni, ovvero con oltre 4 miliardi di franchi all’anno sul bilancio ordinario.

Tuttavia, un simile obiettivo potrebbe essere raggiunto solo aumentando le tasse o prevedendo tagli alle spese. Per evitare una simile eventualità, l’esecutivo ha proposto di allungare il lasso di tempo per assorbire il debito portandolo al 2035. Ha poi avanzato l’idea di impiegare le eccedenze strutturali del bilancio ordinario della Confederazione (circa 1 miliardo l’anno) e la quota della distribuzione supplementare della Banca nazionale svizzera (circa 1,3 miliardi l’anno).

A giugno il Nazionale intendeva percorrere un’altra strada, attingendo alle entrate del passato, in modo da riassorbirlo entro il 2031. Aveva anche modificato il meccanismo di riduzione dell’indebitamento: metà sarebbe stata riassorbita ricorrendo al conto di compensazione, che esibiva a fine 2021 un’eccedenza di 23,5 miliardi di franchi. L’altra con le eccedenze strutturali e i proventi supplementari della Bns. Sarebbero rimasti da rimborsare circa 12,5 miliardi di franchi. Solo l’Udc si era opposta.

Nel frattempo, però, il Consiglio degli Stati ha approvato a larga maggioranza la versione del Governo. Così, tornando oggi sui banchi del Nazionale, la soluzione di giugno ha perso smalto.

All’opposizione dell’Udc si è aggiunta quella dell’Plr e del Centro. "Dobbiamo trovare un compromesso con il Consiglio degli Stati" perché la legge deve entrare in vigore senza perdere tempo, si è giustificato Peter Schilliger (Plr/Lu).

"Occorre prestare attenzione al nostro margine di manovra in materia di budget", ha concordato il ministro delle Finanze Ueli Maurer, aggiungendo che "abbiamo passato anni eccezionali", ma il futuro è incerto e la prossima crisi è già arrivata con la guerra, l’inflazione e l’energia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 min
Caduta fatale su un crinale nella regione di Grandvillard
A perdere la vita è stato un escursionista 21enne, precipitato per circa 400 metri in prossimità del Vanil Noir, nel canton Friborgo
Svizzera
52 min
I conti in tasca ai Consiglieri federali
Per ciascuno dei ‘sette saggi’ uno stipendio annuo di 456mila franchi, auto di rappresentanza, auto di servizio e abbonamento generale in 1a classe
Svizzera
1 ora
Sotto l’albero mattoncini Lego e console di gioco
A poche settimane dal Natale, Digitec Galaxus fa una radiografia dei regali più gettonati per chi fa spesa online
Svizzera
2 ore
Nella foresta di Welschenrohr ci sono anche i bisonti europei
È articolato sulla durata di dieci anni il progetto che mira alla reintroduzione dell’animale nel Giura solettese
Svizzera
2 ore
L’inflazione non incide sul tasso ipotecario
Quello di riferimento, che serve a determinare le pigioni degli appartamenti in affitto, resta ancorato all’1,25%
Svizzera
14 ore
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
16 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
17 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
17 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
18 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
© Regiopress, All rights reserved