laRegione
14.09.22 - 14:11
Aggiornamento: 16:53

Messaggi d’odio online, anche un Like può costar caro

Al via la seconda parte della campagna ‘E lei? Avrebbe detto sì?’ dedicata alla sensibilizzazione sulle conseguenze giuridiche dei comportamenti online

Ats, a cura di Red.Web
messaggi-d-odio-online-anche-un-like-puo-costar-caro

I Corpi di polizia svizzeri e la Prevenzione svizzera della criminalità (PSC) hanno avviato oggi la seconda parte della campagna nazionale di prevenzione dei crimini informatici denominata "E lei? Avrebbe detto sì?", dedicata ai messaggi di odio online. Lo scopo è di ricordare che anche in internet i comportamenti scorretti hanno delle conseguenze giuridiche.

Le persone che diffondono online messaggi discriminatori, offensivi, diffamatori, minacciosi e di incitamento all’odio sono passibili di sanzioni penali, compresa una pena detentiva, indicano oggi in una nota le polizie elvetiche e PSC. Se si mette un "mi piace" a questi messaggi, commenti, post ecc., o li si condivide, si può incorrere in una sanzione alla stessa stregua di chi li ha creati. L’obiettivo della seconda parte della campagna è anche quello di segnalare alla rete sociale in questione qualsiasi messaggio riprovevole e di sporgere denuncia se si è vittima di questo tipo di messaggi sia in internet che nella vita reale, precisa ancora il comunicato.

Leggi anche:

Cybertruffe romantiche, 'E lei? Avrebbe detto di sì'?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
10 min
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
20 min
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved