laRegione
13.09.22 - 11:48
Aggiornamento: 14:40

Croce Rossa, ‘la tradizione da sola non basta più’

È il momento dei bilanci per il presidente uscente del Cicr Peter Maurer, che a ottobre lascerà il suo incarico

Ats, a cura di Red.Web
croce-rossa-la-tradizione-da-sola-non-basta-piu
Keystone
Ultimi giorni da presidente del Cicr

A poche settimane dalla sua partenza, il presidente del Cicr Peter Maurer traccia un bilancio dei suoi dieci anni alla testa dell’organizzazione, che sotto la sua guida è diventata sempre più professionale. "La tradizione del Cicr non è più sufficiente. Per ottenere il sostegno, deve guadagnarselo", sottolinea dalle pagine dell’edizione odierna di Le Temps.

"Se fossimo rimasti nella cultura delle Ong, i donatori avrebbero smesso di finanziarci", afferma Maurer. "Poiché siamo in debito con loro, abbiamo dovuto professionalizzare la gestione delle nostre risorse", ha aggiunto. Per ottenere il sostegno, il Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr) deve quindi "meritarselo", poiché la tradizione propria all’organizzazione non basta più.

Tra i cambiamenti avviati da Peter Maurer c’è stato un riavvicinamento al settore privato. Una strategia che non è stata sostenuta all’unanimità. La sua nomina nel Consiglio di fondazione del World Economic Forum (Wef) nel 2014, ad esempio, ha suscitato critiche, con alcuni che temevano una perdita di credibilità sul terreno.

"Si trattava di collegare il Cicr a discussioni che gli avrebbero permesso di capire meglio il mondo", si difende il bernese. "Non ho mai partecipato agli eventi e al Cconsiglio di amministrazione da una prospettiva particolarmente operativa".

‘Mondo polarizzato’

Per quanto riguarda l’immagine che l’organizzazione trasmette all’opinione pubblica, Maurer spiega che i fondamenti chiave del Cicr, ossia neutralità e riservatezza, "non convengono a molte persone in un mondo sempre più polarizzato, in cui si comunica sempre di più".

Ma questo problema è ciclico, precisa: "La comprensione della neutralità è fortemente legata alla valutazione di un conflitto. E i principi umanitari di neutralità e riservatezza sono contro-istintivi".

‘I calcoli sbagliati dei dirigenti’

Peter Maurer si dice "abbastanza soddisfatto" della sua carriera al Cicr, ma si rammarica comunque di non poter cambiare gli "errori di calcolo" di alcuni leader. "Pensano sempre di riuscire a porre fine alle guerre molto rapidamente. Ma un conflitto dura 25 anni. E ciò non li ha mai dissuasi", rileva.

Il presidente del Cicr lascerà il suo incarico alla fine del mese per assumere dal primo di ottobre la presidenza del Basel Institute of Governance, un’organizzazione internazionale senza fini di lucro dedicata alla lotta alla corruzione e ad altri crimini finanziari nonché al rafforzamento della buona gestione di governo in tutto il mondo.

Maurer è stato inoltre eletto nel Consiglio di amministrazione dell’assicuratore Zurich. Continuerà poi i suoi incarichi per il Forum economico mondiale (Wef).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
16 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
17 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
20 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved