laRegione
13.09.22 - 10:58
Aggiornamento: 18:11

Sì anche agli Stati alla donazione di ovociti

La mozione approvata parifica la situazione fra uomini e donne dato che la donazione di sperma è già autorizzata

Ats, a cura di Red.Web
si-anche-agli-stati-alla-donazione-di-ovociti
Keystone

Dopo il Nazionale in marzo, oggi anche il Consiglio degli Stati ha detto ‘sì’ alla legalizzazione della donazione di ovociti. I ‘senatori’ hanno infatti approvato, con 22 voti contro 20, una mozione che incarica il Consiglio federale di elaborare le basi legali.

L’atto parlamentare mira anche a istituirne le condizioni quadro intese a permettere l’accesso alle donazioni. Mediante un allentamento della normativa in materia di procreazione medicalmente assistita, si vuole permettere alle coppie sterili desiderose di avere figli di sottoporsi a tale trattamento in Svizzera, ha spiegato la relatrice commissionale Marina Carobbio Guscetti (Ps/Ti). Con la mozione si vuole anche eliminare la disparità di trattamento fra uomini e donne presente nella legge in vigore, dal momento che la procreazione mediante una donazione di sperma è autorizzata e attualmente praticata. "Si tratta di inviare un segnale per aiutare tante coppie in Svizzera, per una maggiore uguaglianza e per i diritti fondamentali", ha sostenuto Matthias Michel (Plr/Zg).

In mancanza di una legislazione in merito, le donne domiciliate in Svizzera sono inoltre obbligate a praticare il turismo medico per ottenere un dono d’ovuli, ha ricordato Elisabeth Baume-Schneider (Ps/Ju). Uno studio ha evidenziato come nel 2019 516 persone domiciliate nella Confederazione si siano recate all’estero per un intervento di procreazione medicalmente assistita, di cui l’82% per ricevere una donazione di ovociti. Queste cifre dimostrano la necessità di una base giuridica, ha sostenuto la giurassiana.

Una minoranza ha invece ritenuto che, prima di avviare eventuali lavori di revisione, sia opportuno attendere i risultati della valutazione cui è attualmente sottoposta la Legge sulla medicina della procreazione (Lpam), come richiesto da Isabelle Chassot (Centro/Fr). Ci sono molti aspetti etici delicati da considerare, ha sottolineato. Andrea Gmür-Schönenberger (Centro/Lu) ha poi espresso delle riserve di fondo su quanto lontano debba spingersi la libertà individuale e personale in relazione al desiderio di avere figli. "Non tutto ciò che consente il progresso medico deve essere consentito", ha detto.

Anche il consigliere federale Alain Berset ha chiesto di aspettare la valutazione della Lpam. Il ‘no’ alla mozione non pregiudica la posizione del governo in materia, si tratta solo di aspettare qualche mese per avere il rapporto sulla legge, ha sostenuto, invano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
alle urne
5 min
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
2 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
© Regiopress, All rights reserved