laRegione
17.08.22 - 14:17
Aggiornamento: 22:39

Ecco le contromosse per scongiurare il blackout

Via libera alle trattative per l’utilizzo di centrali elettriche di riserva. E si valuta pure l’impiego dei generatori di emergenza

Ats, a cura di Red.Web
ecco-le-contromosse-per-scongiurare-il-blackout
Keystone
Al vaglio le alternative

I preparativi per evitare una penuria di elettricità durante l’inverno sono a buon punto. Il Consiglio federale ha deciso oggi che i dipartimenti federali dell’energia (Datec) e dell’economia (Defr) possono avviare le trattative in vista della conclusione di un contratto per l’impiego di centrali elettriche di riserva.

La guerra in Ucraina ha fatto rinascere lo spettro di una carenza di elettricità a partire dal prossimo inverno. Per evitare un tale scenario, il Governo ha già deciso di mettere in esercizio delle centrali di riserva. Ora è giunto il momento di negoziare i contratti.

Gli impianti dovevano inizialmente funzionare a gas. Tuttavia, considerato l’approvvigionamento incerto di questo combustibile a causa del conflitto, è emersa una nuova esigenza: le centrali dovranno, se possibile, poter funzionare anche con il petrolio. E la potenza totale dovrà essere superiore ai 300 Megawatt (MW), ovvero circa l’80% della potenza dell’impianto nucleare di Mühleberg (Be), nel frattempo disattivato, precisa il Governo in una nota odierna.

Indagini preliminari sono state condotte presso i Cantoni e i gestori delle centrali. Hanno mostrato che un tale potenziale sarebbe disponibile a partire dalla fine dell’inverno. I crediti supplementari e i crediti di impegno necessari sono stati sollecitati per il finanziamento.

Un’ordinanza regolamenterà in un primo tempo lo sfruttamento di disponibilità accresciuta delle centrali di riserva, l’indennità da corrispondere ai suoi gestori e le responsabilità. Dovrebbe entrare in vigore al più tardi entro la metà di febbraio 2023. Sarà in seguito sostituita da una modifica della legge.

La Confederazione sta peraltro esaminando se i generatori di emergenza potrebbero pure servire quali centrali di riserva. Ne esistono attualmente circa 300, offrendo una potenza totale di circa 280 MW. Sono utilizzati da Swissgrid per le prestazioni di servizio relative al sistema. Diverse questioni logistiche devono ancora essere risolte e i proprietari devono ancora dare il loro consenso.

Per l’esercizio delle centrali elettriche di riserva e, all’occorrenza, dei generatori di emergenza, tra febbraio e maggio 2023 dovranno essere temporaneamente innalzati i valori limite dell’ordinanza contro l’inquinamento atmosferico ed eventualmente di quella contro l’inquinamento fonico. Ciò è necessario qualora, in presenza di una situazione critica sul fronte dell’approvvigionamento elettrico, tali impianti dovessero restare in esercizio per più di 50 ore all’anno, precisa l’esecutivo.

Le situazioni di penuria nella rete di trasporto possono essere mitigate anche con l’aumento della tensione d’esercizio di importanti elettrodotti. Il Consiglio federale ha incaricato il Datec, in collaborazione con il Defr, di presentare entro fine settembre 2022 una proposta di aumento da 220 kV a 380 kV del livello di tensione dei due elettrodotti di Bickigen (Be)-Chippis (Vs) (linea della Gemmi) e Bassecourt (Ju)-Mühleberg, nel caso di una minaccia imminente di penuria tra gennaio e aprile 2023, e una proposta di esercizio test della linea elettrica della Gemmi nel dicembre 2022.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Anche gli svizzeri a rischio di inondazioni
I mutamenti climatici aggravano il problema di chi abita all’interno delle vie di sfogo delle acque in caso di tracimazione. A rischio 700mila persone
Svizzera
6 ore
Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’
Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
7 ore
I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns
È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
8 ore
Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera
Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
9 ore
Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni
Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
9 ore
Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque
I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
Svizzera
9 ore
Grindelwald, fiamme in una stazione della seggiovia
L’incendio si è sviluppato nella struttura a valle dell’impianto di risalita ‘Schilt’. Chiusa per motivi di sicurezza anche la vicina ‘Grindel’
Svizzera
10 ore
Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna di alcolici
La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani sian diminuiti del 30%
Svizzera
12 ore
La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto
I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
23 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
© Regiopress, All rights reserved