laRegione
17.08.22 - 12:35
Aggiornamento: 14:30

Norme più severe per i voli commerciali con aerei storici

In base alle risultanze dell’inchiesta relativa al ‘crash’ sul Piz Segnas, rivista l’ordinanza sulla navigazione aerea: paletti più stretti

Ats, a cura di Red.Web
norme-piu-severe-per-i-voli-commerciali-con-aerei-storici
Keystone
Uno storico Ju-52

I voli commerciali effettuati con aerei storici saranno vietati a partire dal primo ottobre. Rimarranno consentiti i voli destinati a membri di associazioni, ma non dovranno avere più di nove persone a bordo. Il Consiglio federale ha adottato prescrizioni più severe adeguando l’ordinanza sulla navigazione aerea (Ona).

Dopo il tragico incidente aereo del 2018 che ha visto coinvolto un velivolo Ju-52 e sulla base del rapporto finale del Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza (Sisi), l’Ufficio federale dell’aviazione civile (Ufac) ha analizzato le attività con aeromobili storici con l’obiettivo di ridurre i rischi legati a questo tipo di voli, precisa un comunicato odierno.

Sulla base dei risultati, il Consiglio federale ha deciso di vietare i voli commerciali effettuati con aeromobili della categoria speciale ‘storici’ che trasportano persone o beni. I voli non commerciali continueranno a essere ammessi per i membri di associazioni, a condizione che siano affiliati da almeno 30 giorni. Vi saranno anche restrizioni per quanto riguarda il numero di passeggeri: a bordo dei velivoli potranno salire al massimo nove persone, di cui al massimo sei passeggeri.

Inoltre il pilota è tenuto a informare i passeggeri sulle particolari condizioni relative a questi voli in modo che ognuno possa decidere se è disposto ad assumersi i relativi rischi. Le nuove disposizioni sono paragonabili a quelle in vigore negli altri Paesi europei e diverranno effettive da ottobre, precisa ancora la nota.

Un Ju-52 di Ju-Air si schiantò il 4 agosto 2018 nei pressi del Piz Segnas, sopra Flims (Gr). Tutti gli occupanti del velivolo, tre membri dell’equipaggio e 17 passeggeri, persero la vita. L’aereo era decollato dall’aerodromo di Locarno-Magadino ed era diretto a Dübendorf. Secondo il rapporto finale del Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI), pubblicato all’inizio del 2021, all’origine dell’incidente ci furono il "comportamento di volo ad alto rischio" dei due piloti, come pure difetti nel materiale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
58 min
Il mercato del lavoro ha raggiunto il suo picco
Dopo mesi di forte crescita (+15% da inizio anno), le offerte di impiego sembrano essersi arrestate: 1% nell’ultimo trimestre
Svizzera
15 ore
Impennata di casi di coronavirus
Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
17 ore
Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer
È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
20 ore
Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi
Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
Svizzera
21 ore
Riuscita l’iniziativa per l’imposizione individuale dei coniugi
I promotori chiedono una tassazione separata allo stesso modo dei conviventi. Ma è già allo studio il progetto del Consiglio federale
Svizzera
21 ore
A sciare in elicottero: e scatta il ‘Sasso del Diavolo’
Il premio per il trasporto più insensato va all’offerta ‘Heliski’ di Swiss Helicopter. I più virtuosi? Un’azienda che produce case sostenibili in legno
Svizzera
21 ore
La distrazione al volante fa 60 morti e 1’100 feriti ogni anno
L’uso del telefono è la principale causa di disattenzione alla guida fra i giovani. L’Ufficio prevenzione infortuni lancia una campagna
Svizzera
21 ore
Fornitura di gas, se la solidarietà fra vicini (forse) non c’è
La Svizzera non sarebbe un partner interessante per la Germania, poiché non dispone di riserve sul proprio territorio
Svizzera
23 ore
Se la coda in autostrada fa perdere tempo e... soldi
Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
1 gior
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
© Regiopress, All rights reserved