laRegione
17.08.22 - 12:01
Aggiornamento: 17:00

Ripari fonici gratis per produrre energia rinnovabile

Per la sua produzione, la Confederazione metterà a disposizione gratuitamente barriere antirumore e aree di sosta

ripari-fonici-gratis-per-produrre-energia-rinnovabile
Ti-Press
A condizione che l’energia prodotta sia commercializzata autonomamente

La Confederazione potrà mettere gratuitamente a disposizione barriere antirumore e aree di sosta per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Il Consiglio federale ha infatti proceduto durante la sua seduta odierna ad adeguare l’ordinanza sulle strade nazionali (Osn) così da consentire tale pratica.

Verifiche condotte in adempimento a un postulato presentato dal consigliere nazionale Bruno Storni (Ps/Ti) hanno rivelato che le infrastrutture stradali nazionali racchiudono un potenziale fotovoltaico annuo di 55 gigawattora, evidenzia l’esecutivo in un comunicato. Esso è parzialmente già sfruttato dall’Ufficio federale delle strade (Ustra) per consumo proprio, nello specifico presso gallerie e centri di manutenzione.

Oggi il Governo ha approvato le modifiche dell’Osn, che entreranno in vigore il 1° ottobre, per trarre ancora più profitto da questo potenziale. Le superfici idonee dell’infrastruttura stradale nazionale, come per esempio protezioni foniche e aree di sosta, potranno quindi essere utilizzate da terzi a titolo gratuito. La nuova disposizione riguarda anche impianti per la produzione di altre rinnovabili come l’eolico o la geotermia.

L’Ustra prevede di indire a fine 2022 una gara di appalto per consentire agli interessati di prenotare siti idonei all’installazione di impianti fotovoltaici. Chi otterrà un lotto dovrà presentare un progetto e realizzare i lavori in un lasso di tempo predefinito. Tra le condizioni fondamentali per l’utilizzo di infrastrutture stradali dello Stato rientra la commercializzazione autonoma della corrente prodotta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
la guerra in ucraina/1
1 ora
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
15 ore
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
16 ore
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
18 ore
Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola
Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
18 ore
Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci
Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
19 ore
Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice
Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
20 ore
Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo
Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
Svizzera
20 ore
Sostegno pubblico degli ospedali nel mirino
Per la presidente dell’associazione H+ Regine Sauter, i nosocomi devono essere indipendenti dallo Stato. E propone correttivi
Svizzera
22 ore
Fuoriuscita di idrocarburi nel Rodano da un impianto Syngenta
Subito messe in atto le misure di contenimento. L’azienda rassicura: nessun pericolo per la popolazione o per l’ambiente
Svizzera
23 ore
Swisscom, ecco i bilanci 2022. Anzi no: settimana prossima
Complice un errore, per alcune ore l’azienda pubblica in internet i risultati d’esercizio, non ancora approvati dal Consiglio d’amministrazione
© Regiopress, All rights reserved