laRegione
16.08.22 - 14:50
Aggiornamento: 15:15

La Posta azzererà il suo impatto climatico dieci anni prima

Il Gigante Giallo intende eliminare le fonti fossili per i suoi veicoli e il riscaldamento entro il 2030, ciò che era previsto per il 2040

Ats, a cura di Red.Web
la-posta-azzerera-il-suo-impatto-climatico-dieci-anni-prima
Keystone

La Posta vuole azzerare completamente l’impatto climatico del proprio esercizio dal 2030, ossia dieci anni prima di quanto pianificato finora. Lo rende noto oggi, precisando che intende passare a propulsioni alternative per i suoi veicoli, impiegando esclusivamente elettricità da fonti rinnovabili svizzere e sostituendo i sistemi di riscaldamento da fonti fossili.

In un comunicato, il responsabile Servizi di mobilità e membro della direzione del gruppo, Christian Plüss, ricorda che la Posta gestisce il parco veicoli più grande del Paese e possiede diversi immobili, producendo l’1% delle emissioni di CO2 della Svizzera, ciò che "rappresenta un’impronta di carbonio considerevole".

Anche il parco veicoli di AutoPostale sarà pian piano elettrificato o spinto senza l’impiego di combustibili fossili. Entro il 2030 non riusciremo tuttavia a ridurre del tutto le nostre emissioni di CO2, ha avvertito Plüss, precisando che i vertici dell’azienda intendono compensare quelle restanti che non sono riducibili mediante le misure citate.

Entro il 2040 la Posta vuole poi diminuire o eliminare dall’atmosfera tutte le emissioni prodotte lungo l’intera catena di creazione del valore, compresi fornitori e partner di trasporto, e così generare emissioni nette di CO2 pari a zero.

Anticipando l’obiettivo climatico ed energetico, l’azienda mira ad assumere una funzione di esempio nel panorama delle imprese svizzere e contribuire in modo significativo alla Strategia energetica 2050 della Confederazione. Nella nota, Plüss ricorda che negli ultimi cinque anni la Posta è riuscita a diminuire del 20% le emissioni di CO2 nella logistica dei pacchi e ha introdotto 6065 scooter elettrici per il recapito degli invii postali.

Guardando al futuro prossimo, Plüss afferma che "entro tre anni intendiamo recapitare lettere e pacchi esclusivamente con veicoli elettrici nei centri urbani" ed "entro la fine del 2024 sulle strade svizzere viaggeranno inoltre 100 autopostali elettrici". Ritardi nella consegna dei veicoli potrebbero verificarsi a causa della guerra in Ucraina o nell’ordinazione dei mezzi per le linee di trasporto pubblico, che vengono effettuate dai cantoni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Impennata di casi di coronavirus
Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
15 ore
Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer
È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
18 ore
Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi
Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
Svizzera
19 ore
Riuscita l’iniziativa per l’imposizione individuale dei coniugi
I promotori chiedono una tassazione separata allo stesso modo dei conviventi. Ma è già allo studio il progetto del Consiglio federale
Svizzera
19 ore
A sciare in elicottero: e scatta il ‘Sasso del Diavolo’
Il premio per il trasporto più insensato va all’offerta ‘Heliski’ di Swiss Helicopter. I più virtuosi? Un’azienda che produce case sostenibili in legno
Svizzera
19 ore
La distrazione al volante fa 60 morti e 1’100 feriti ogni anno
L’uso del telefono è la principale causa di disattenzione alla guida fra i giovani. L’Ufficio prevenzione infortuni lancia una campagna
Svizzera
19 ore
Fornitura di gas, se la solidarietà fra vicini (forse) non c’è
La Svizzera non sarebbe un partner interessante per la Germania, poiché non dispone di riserve sul proprio territorio
Svizzera
21 ore
Se la coda in autostrada fa perdere tempo e... soldi
Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
1 gior
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
1 gior
Tentata rapina a mano armata a Crans Montana
Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
© Regiopress, All rights reserved