laRegione
11.07.22 - 22:27
Aggiornamento: 22:44

L’esercito svizzero: ‘No ai rifugiati in caserma’

Risposta negativa alla richiesta dei cantoni di sostenerli nell’accoglienza dei rifugiati ucraini

Ats, a cura di Red.Svizzera
l-esercito-svizzero-no-ai-rifugiati-in-caserma
La caserma di Colombier, nel canton Neuchatel (Keystone)

L’esercito svizzero ha risposto picche alla richiesta dei cantoni di sostenerli nell’accoglienza dei rifugiati ucraini, ospitandoli se necessario nelle caserme. Lo ha rivelato questa sera la rubrica Forum della tv romanda Rts.

Diversi cantoni hanno presentato la richiesta alla Segreteria di Stato della migrazione (Sem), ha detto la consigliera di Stato giurassiana Nathalie Barthoulot, presidente della Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali (Cdos), alla Rts.

La richiesta è stata avanzata il 21 giugno durante una sessione di lavoro con la Sem. I cantoni volevano così anticipare un possibile aumento del numero di rifugiati ucraini.

Esercito irremovibile

"La sistemazione a lungo termine nelle strutture militari non è possibile perché utilizziamo queste caserme", ha dichiarato a Forum il portavoce dell’esercito Stefan Hofer, precisando che "le esigenze dei cantoni non sarebbero soddisfatte dalle strutture militari non sotterranee".

Non è la prima volta che l’esercito pone il veto a tali richieste. Secondo la Rts, la scorsa primavera erano già state rifiutate le richieste dei cantoni di Friburgo e Vaud.

In base alla legge, le caserme sono a disposizione della Confederazione e, per estensione, della Sem. I cantoni potrebbero chiedere di utilizzare i rifugi antiatomici, ma questa soluzione è stata scartata per le famiglie ucraine.

Situazione tesa

Sebbene la situazione dei rifugiati ucraini sia al momento sotto controllo, tre elementi fanno temere il peggio in vista del prossimo autunno: l’indebolimento della solidarietà privata, il ritorno del freddo in Ucraina e l’attuale aumento delle richieste di asilo ordinarie.

I cantoni potrebbero non essere in grado di far fronte a un nuovo massiccio afflusso. La Rts rivela inoltre che la direttrice della Sem, Christine Schraner Burgener, incontrerà questa settimana i rappresentanti del Dipartimento federale della difesa (Ddps) per discutere la questione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all‘ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ’Smeraldo’
Svizzera
4 ore
Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla
Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
5 ore
Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini
L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
18 ore
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
19 ore
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
20 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
20 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
20 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
21 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
1 gior
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
© Regiopress, All rights reserved