laRegione
27.06.22 - 12:13
Aggiornamento: 15:05

Detenuto in condizioni illecite, per il Tf sentenza ‘scioccante’

I giudici di Losanna criticano la decisione del tribunale che riteneva prescritto il risarcimento a un uomo detenuto per 247 giorni in sovraffollamento

detenuto-in-condizioni-illecite-per-il-tf-sentenza-scioccante
Keystone

Il Tribunale federale (Tf) ha definito "scioccante" una sentenza che respinge la richiesta di risarcimento di un marocchino che ha trascorso 247 giorni in condizioni di detenzione illecite nel carcere di Bois-Mermet a Losanna. I giudici vodesi avevano considerato prescritta la domanda dell’uomo.

Accusato di numerosi reati, il ricorrente è stato trattenuto preventivamente a Bois-Mermet dal 10 maggio 2017, un carcere notoriamente fatiscente e sovraffollato. Fino al 12 gennaio 2018 ha condiviso una cella di 9,34 metri quadri – compreso il bagno – con un altro detenuto. Da quella data e fino alla condanna e al trasferimento nel carcere di Orbe il 30 luglio 2018, è stato collocato in una cella più grande e ha avuto la possibilità di lavorare in carcere.

Nel settembre 2019, ha ottenuto dalla giustizia vodese la constatazione che le sue condizioni di detenzione tra il 10 maggio 2017 e il 12 gennaio 2018 erano illecite. A seguito di ciò, nel febbraio 2020 ha chiesto un risarcimento per danni morali di 12’350 franchi, più gli interessi.

La sua richiesta è stata respinta in ultima istanza dal Tribunale cantonale nell’agosto 2021. La Corte ha ritenuto che il termine di prescrizione di un anno previsto dal diritto pubblico cantonale fosse ampiamente scaduto. Per determinarlo ha conteggiato a decorrere il 12 gennaio 2018, giorno in cui le condizioni di detenzione sono migliorate.

In una sentenza pubblicata oggi, il Tf ha accolto il ricorso dell’uomo e ha rinviato il caso alla giustizia vodese affinché si pronunci sulla richiesta di risarcimento. Il Tf ha osservato che il termine di prescrizione di un anno stabilito dalla legge cantonale è molto breve – mentre il Codice delle obbligazioni prevede ora tre anni – e ha sottolineato che questo dovrebbe essere compensato da un’impostazione non troppo esigente per quanto riguarda la decorrenza del termine.

Secondo la giurisprudenza, il termine decorre dal momento in cui il danneggiato è in grado di valutare l’entità del danno. Non era il caso del ricorrente, quando ha cambiato cella il 12 gennaio 2018. In queste condizioni, secondo il Tf è scioccante far decorrere la prescrizione dal momento in cui le condizioni di detenzione siano diventate legittime.

(sentenza 2C_704/2021 del 12 maggio 2022)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna
Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
3 ore
Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle
Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
elezioni cantonali
17 ore
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
17 ore
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
2 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
© Regiopress, All rights reserved