laRegione
24.06.22 - 11:48
Aggiornamento: 19:29

Processo FIFA: Jérôme Valcke condannato, Al-Khelaifi assolto

Nell’appello per la vicenda dei diritti tv, undici mesi sospesi all’ex segretario generale per falsità in documenti e ripetuta corruzione passiva

Ats, a cura di Marco Narzisi
processo-fifa-jerome-valcke-condannato-al-khelaifi-assolto
Keystone

Nel processo in appello sui diritti televisivi della Federazione internazionale di calcio (FIFA), il Tribunale penale federale (TPF) ha condannato l’ex segretario generale dell’organizzazione Jérôme Valcke a undici mesi di carcere sospesi per falsità in documenti e ripetuta corruzione passiva.

Nasser Al-Khelaifi, presidente di beIN Media e della squadra di calcio del Paris Saint-Germain, è invece stato assolto. Era incriminato per istigazione all’amministrazione infedele.

Valcke è stato riconosciuto colpevole di corruzione di privati in relazione all’assegnazione di diritti mediatici. La Corte d’appello del Tribunale penale federale gli ha inflitto una pena detentiva di undici mesi e una pena pecuniaria di 100 aliquote giornaliere di 200 franchi, entrambe con la condizionale. Il francese è invece stato assolto dall’accusa di amministrazione infedele aggravata.

Nei confronti di Al-Khelaifi il TPF conferma la sentenza emessa dalla Corte penale del TPF alla fine di ottobre 2020.

Il terzo imputato, un uomo d’affari greco, è stato condannato a una pena sospesa di dieci mesi per ripetuta corruzione attiva. È invece assolto dall’istigazione all’amministrazione infedele aggravata.

Valcke farà ricorso al Tribunale federale

Contattati da Keystone-ATS, gli avvocati di Valcke, Patrick Hunziker ed Elisa Bianchetti, hanno dichiarato che il loro cliente farà ricorso al Tribunale federale. La sua condanna per corruzione di privati è "un errore e un fantasma", hanno detto.

Secondo loro, tutti gli atti del dossier e tutti i testimoni attestano che i contratti per i diritti televisivi sono stati approvati a tutti i livelli della FIFA perché erano straordinariamente favorevoli alla Federazione. "Non c’era alcuna intenzione di arrecare svantaggi".

Gli avvocati sottolineano inoltre che Valcke "non ha danneggiato il patrimonio della FIFA". Si rallegrano che sia stata confermata la sua assoluzione dall’accusa di amministrazione infedele aggravata. Inoltre, le richieste civili della FIFA sono state respinte dal tribunale.

Costi procedurali elevati

I costi delle procedure, che ammontano a poco più di 241’000 franchi, saranno in gran parte a carico degli imputati: poco meno di 117’000 franchi dovranno essere pagati da Valcke e circa 58’000 dagli altri due. La FIFA non riceverà alcun risarcimento ed è invitata a intraprendere un’azione civile.

Il processo di seconda istanza si è svolto all’inizio di marzo. Il Ministero pubblico della Confederazione aveva chiesto condanne a 35 mesi per Valcke, 28 mesi per Al-Khelaifi e 30 mesi per il terzo imputato.

"Patto di corruzione"

L’accusa ha sostenuto che i tre uomini avevano stretto un "patto di corruzione" per l’assegnazione dei diritti televisivi di diverse Coppe del mondo e altre competizioni della FIFA. La difesa ha chiesto un’assoluzione generale, affermando che il MPC aveva praticato una "caccia ai trofei".

Durante il processo, la procuratrice federale incaricata del caso ha sottolineato i benefici ottenuti da Valcke in cambio del suo intervento sui diritti televisivi. L’allora segretario generale della FIFA aveva ricevuto "prestiti" e aveva a disposizione una villa di lusso in Sardegna.

(Sentenza CA.2021.3 del 23 giugno 2022)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale
Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
Svizzera
14 ore
Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa
Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
15 ore
L’inflazione colpisce duramente gli anziani
L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
Svizzera
15 ore
‘Il riscaldamento a 19 gradi? Non s’ha da fare’
A dirlo è il settore immobiliare che critica la raccomandazione del Consiglio federale, poiché una casa troppo fredda è considerata ‘un difetto’
Svizzera
17 ore
Dopo l’addio di Maurer in casa Udc parte il ‘toto-nome’
Tramite il ‘Sonntagsblick’ il presidente democentrista Marco Chiesa stila il possibile profilo (o profili) del successore di Ueli Maurer
Svizzera
1 gior
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
1 gior
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
1 gior
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
2 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
2 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
© Regiopress, All rights reserved