laRegione
02.06.22 - 14:34

Risultato d’esercizio 2021 positivo per l’Avs

Si tratta di un aumento di circa un terzo rispetto all’anno precedente. Ciò è dovuto principalmente alle entrate supplementari generate dalla riforma

Ats, a cura de laRegione
risultato-d-esercizio-2021-positivo-per-l-avs
Keystone

L’Avs ha ottenuto nel 2021 un risultato d’esercizio positivo di 2,583 miliardi di franchi. Si tratta di un aumento di circa un terzo rispetto all’anno precedente, quando si era fermato a 1,9 miliardi. Il risultato di ripartizione, si evince dal rapporto annuale pubblicato oggi, è ammontato dal canto suo a 880 milioni.

Quest’ultimo dato si ottiene sottraendo le spese (47 miliardi) alle entrate (47,9 miliardi). Aggiungendo 1,7 miliardi (+52% su base annua) derivati dai redditi da investimenti, si ottiene un risultato d’esercizio vicino a 2,6 miliardi.

Il risultato di ripartizione è positivo per il secondo anno di fila. L’eccedenza è principalmente dovuta alle entrate supplementari generate dalle misure della riforma fiscale e finanziamento dell’Avs (Rffa), in particolare l’aumento del tasso di contribuzione dal 1° gennaio 2020.

Stando a quanto comunicato oggi dall’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (Ufas), gli effetti a corto termine della pandemia su entrate e uscite dell’AVS "non sono chiaramente osservabili sul piano statistico". Le conseguenze sul lungo periodo restano al momento sconosciute.

Secondo le cifre di dicembre 2021, 2,47 milioni di persone in totale hanno ricevuto una rendita di vecchiaia (+1,3%). A queste vanno aggiunti i 207’100 cittadini che hanno beneficiato di una rendita per superstiti.

Globalmente, l’anno scorso sono state versate rendite Avs per 43,5 miliardi. Quelle completive (per figli e congiunti) hanno toccato quota 254 milioni, mentre quelle per superstiti (vedovi e orfani) i 2 miliardi.

Per quel che concerne le entrate, gli assicurati hanno contribuito con 35,1 miliardi, prima fonte di finanziamento davanti ai 9,5 miliardi sborsati dalla Confederazione. Circa 3 miliardi sono pervenuti dall’imposta sul valore aggiunto.

La media di una rendita in Svizzera è stata nel 2021 di 1’876 franchi, con comunque sensibili variazioni tra quella minima (1’195 franchi) e quella massima (2’390). Per le persone celibi, si attestava a 1’882 franchi per gli uomini e a 1’911 per le donne, per quelle sposate (nei casi in cui solo uno dei due partner ne avesse diritto) a 2’012 e 1’537 franchi. Per divorziati e separati la media oscillava invece fra i 1’900 e i 2’000 franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga
Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
16 ore
Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider
Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
17 ore
In un comune su due installare pannelli solari non conviene
I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
17 ore
Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa
Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
19 ore
Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’
Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
19 ore
La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci
Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
Svizzera
19 ore
Un gruppo di esperti vuole vietare le promozioni sulla carne
Le misure proposte, fra cui anche una tassa sul CO2 prelevata sulle derrate, sono finalizzate a preservare la sicurezza alimentare della Svizzera
Svizzera
19 ore
Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger
Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
19 ore
Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C
Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
23 ore
Per la Rega nel 2022 un numero da record di pazienti soccorsi
Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
© Regiopress, All rights reserved