laRegione
attivisti-per-il-clima-arrivati-a-davos-ma-scarsa-affluenza
Keystone
22.05.22 - 16:46
Ats, a cura de laRegione

Attivisti per il clima arrivati a Davos, ma scarsa affluenza

I presenti hanno manifestato contro il World economic forum e chiesto che la natura e le persone siano di nuovo al centro dell’economia

Una cinquantina di attivisti per il clima, partiti ieri da Küblis (Gr), hanno raggiunto Davos (Gr) per protestare contro il Forum economico mondiale (Wef), che prende il via oggi nella località grigionese. Gli organizzatori speravano tuttavia in una presenza più massiccia.

"Wef, riunione di assassini", hanno scandito i manifestanti a Davos. I presenti hanno chiesto che la natura e le persone siano di nuovo al centro dell’economia, invece dell’avidità di ottenere di più. A loro avviso, bisogna alzare la voce durante il Forum mondiale, dove solo i ricchi possono farsi sentire.

L’obiettivo degli organizzatori era però di mobilitare più gente. "Impareremo dai nostri errori", ha dichiarato all’agenzia Keystone-Ats Gianna Catrina, portavoce dell’alleanza Strike Wef. Nemmeno l’arrivo di rappresentanti della Gioventù socialista (Giso), che oggi hanno dimostrato con gli attivisti, ha attirato una grande folla. L’evento verrà comunque riproposto anche l’anno prossimo: "Riusciremo a portare molte più persone", ha promesso l’addetta stampa.

In totale, i partecipanti alla manifestazione anti Wef erano circa 70. "Si sta celebrando un matrimonio tossico tra le élite dirigenziali e i governi: è ora di divorziare", ha detto la presidente della Giso Ronja Jansen. "La democrazia si ferma alle porte degli affari", ha proseguito, sottolineando che è unicamente il denaro ad avere voce in capitolo e chiedendo la fine del capitalismo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
clima manifestazione world economic forum
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Landquart, in fiamme un container abitativo. Arrestato un uomo
Fermato un marocchino 43enne per l’incendio alla struttura, utilizzata per sanzionare i residenti di altri centri di accoglienza
Svizzera
2 ore
Da Sempach un appello alla solidarietà con l’Ucraina
Dopo due anni d’attesa, torna in grande stile la commemorazione della battaglia. Con la presenza della ‘prima cittadina’ svizzera Irène Kälin
Svizzera
4 ore
Gas per tutti in inverno? Nessuno lo può garantire
La ministra dell’energia Simonetta Sommaruga non esclude che nella stagione fredda si vada incontro a difficoltà nell’approvvigionamento
Svizzera
5 ore
Quattro motociclisti feriti in tre incidenti sul Susten
Una settimana dopo il tragico sinistro costato la vita a due ticinesi, altro weekend da dimenticare sulla strada del passo tra i cantoni Uri e Berna
Svizzera
6 ore
‘I fronti in Ucraina continueranno a inasprirsi’
Ne è convinta la ministra della Giustizia Karin Keller-Sutter, secondo cui ‘la situazione potrebbe peggiorare considerevolmente in inverno’
Svizzera
6 ore
‘L’iniziativa contro l’acquisto degli F-35? Un errore’
Erich Fehr, presidente della piattaforma social-liberale ‘I socialisti liberali nel Ps svizzero’ critica la linea del partito
Svizzera
9 ore
Con Lugano, la Svizzera preserverà la sua immagine di ‘leader’
Ne è convinto Nicolas Bideau. Secondo cui la Conferenza per la ricostruzione dell’Ucraina è un evento ‘compatibile’ con la neutralità
Svizzera
11 ore
Nel 2022 più donne nei Cda delle grandi aziende
Nelle cento maggiori società svizzere quotate in borsa la loro percentuale è passata dal 25,4% al 28,5%
Svizzera
1 gior
‘Putin vattene’. E ancora, ‘Liberate l’Ucraina, e la Russia’
Manifestazione per le strade di Ginevra per chiedere la cessazione del conflitto ucraino e per uno scambio di prigionieri
Svizzera
1 gior
Torna in funzione il reattore numero 1 di Beznau
Dopo una revisione di due mesi, la centrale di Döttingen ha ricevuto luce verde da parte dell’ispettorato federale della sicurezza nucleare
© Regiopress, All rights reserved