laRegione
19.05.22 - 09:29
Aggiornamento: 14:57

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi

Ats, a cura de laRegione
sostegno-secolare-a-favore-di-3-000-progetti-e-associazioni
Così si celebrerà il prossimo Natale della Patria

Pro Patria ha svelato il distintivo del 1° agosto, che quest’anno giunge alla centesima edizione. La sua vendita, indica l’organizzazione, ha contribuito in gran parte al mezzo miliardo di franchi investito dal 1909 in favore di progetti utili alla società.

"Ieri, il presidente della Confederazione Ignazio Cassis ha svelato il centesimo distintivo del 1° agosto", annota la fondazione. "Si presenta in rosso semi-trasparente ed esprime l’impegno di lunga data di Pro Patria per la Svizzera".

Dalla sua creazione, risalente al 1909, l’organizzazione ha stanziato quasi 500 milioni (con le correzioni legate all’inflazione) in circa 3’000 progetti e associazioni diversi. Nel corso degli ultimi 30 anni, la fondazione si è concentrata soprattutto sugli ambiti del patrimonio architettonico e delle tradizioni viventi.

Attualmente, grazie ai ricavi generati, Pro Patria sostiene principalmente progetti in campo culturale. In occasione dell’uscita del distintivo del 1° agosto numero 100, ne ha presentato una selezione su una "mappa dei tesori culturali" di tutte le regioni elvetiche, accessibile online.

Durante i primi decenni della sua esistenza, Pro Patria aveva essenzialmente appoggiato organizzazioni caritatevoli come la Croce Rossa svizzera o progetti sociali. La fondazione si è sempre focalizzata sui bisogni attuali della società, fornendo il proprio apporto laddove era necessario, ha detto, citato nel comunicato, il presidente del Consiglio di fondazione Johann Mürner.

Pro Patria può contare su altre fonti di finanziamento, come le donazioni o la vendita di francobolli. Quest’anno, saranno proprio i francobolli a onorare la ricorrenza centenaria del distintivo, raffigurando tutti quelli prodotti a partire dal 1923.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Regolazione del lupo, Regazzi: ‘Era ora’, Gysin: ‘Andati oltre’
La modifica della legge federale sulla caccia permetterà ‘abbattimenti preventivi’. A Palazzo federale un dibattito acceso e opinioni agli antipodi
Svizzera
16 ore
Baume-Schneider, Rösti: l’en plein delle Franches-Montagnes
La regione della consigliera federale eletta esce due volte vincitrice. La ‘Question jurassienne’? Il bernese dice che lui l’aveva già chiusa
Svizzera
18 ore
Ebs, tutte le chiavi di una sorprendente elezione
Simpatica, gradita ai contadini, funzionale agli svizzero-tedeschi con gli occhi puntati sul seggio di Alain Berset. L’analisi, col politologo Georg Lutz
Svizzera
22 ore
Governo: ‘Bel regalo’ o ‘brutta sorpresa’, stampa divisa
La nomina di chi ha preso il posto di Simonetta Sommaruga fa discutere: i pro e i contro del mondo del giornalismo
Svizzera
1 gior
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
1 gior
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
1 gior
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
1 gior
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
1 gior
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
1 gior
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
© Regiopress, All rights reserved