laRegione
17.05.22 - 15:43
Aggiornamento: 19:22

Conciliabilità famiglia-lavoro: proposto un sostegno economico

Nel confronto internazionale la Svizzera si situa tra le ultime posizioni per quanto riguarda l’accessibilità e la qualità della custodia complementare

Ats, a cura de laRegione
conciliabilita-famiglia-lavoro-proposto-un-sostegno-economico
Keystone

La Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Consiglio nazionale (Csec-N) propone una nuova legge volta a migliorare la conciliabilità tra famiglia e lavoro e le pari opportunità per i bambini in età prescolastica. A tal fine ha elaborato un progetto che mette ora in consultazione.

Il progetto di legge, preparato dalla Csec-N, persegue due obiettivi principali: in primo luogo, sostenere finanziariamente i genitori che fanno accudire i loro figli al di fuori della famiglia, come per esempio negli asili nido. A tale scopo deve essere concesso un contributo federale pari almeno al 10% e al massimo al 20% del costo medio in Svizzera di un posto per la custodia complementare alla famiglia. In base alla proposta della commissione, la Confederazione dovrebbe partecipare con circa 530 milioni di franchi all’anno ai costi a carico dei genitori, indicano oggi in una nota i servizi del Parlamento.

In secondo luogo, la legge intende stabilire le condizioni destinate a sviluppare la politica in materia di custodia di bambini complementare alla famiglia nonché il sostegno alla prima infanzia. Per farlo, la Commissione prevede che la Confederazione sostenga i Cantoni in questo ambito mediante accordi di programma, stanziando un credito d’impegno di 160 milioni di franchi per il primo periodo contrattuale.

L’obiettivo di questi accordi è quello di incrementare l’offerta di posti per la custodia di bambini complementare alla famiglia, di adeguarla meglio alle esigenze dei genitori e di migliorare la qualità pedagogica e operativa delle strutture. La Csec-N ritiene inoltre che occorra prestare una particolare attenzione ai bambini con disabilità, precisa ancora il comunicato.

Nel confronto internazionale la Svizzera agli ultimi posti

Nel confronto internazionale, la Svizzera si situa tra le ultime posizioni per quanto concerne l’accessibilità – materiale ed economica – e la qualità della custodia complementare alla famiglia per i bambini in età prescolastica. È quanto emerge da un recente studio dell’Unicef (2021), nell’ambito del quale sono stati messi a confronto 41 Paesi. Fra questi, Lussemburgo, Islanda, Svezia, Norvegia e Germania si situano nelle prime posizioni, mentre la Confederazione si piazza in fondo alla classifica (38esima su 41).

Per quanto concerne l’accessibilità economica ai servizi di custodia, la Svizzera è il Paese in cui i genitori devono spendere di più in assoluto per l’assistenza ai bambini complementare alla famiglia. Secondo la Csec-N, occorre pertanto intervenire. La commissione è persuasa del fatto che, con il progetto proposto, la Confederazione potrà concorrere in maniera sostanziale a garantire un’offerta di servizi adeguata ai bisogni e allo sviluppo della politica cantonale di sostegno alla prima infanzia.

Una minoranza ritiene invece che questi ambiti di promozione rientrino in primo luogo nella sfera di competenza dei Cantoni e dei Comuni e che non vada dunque previsto alcun sostegno da parte della Confederazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
20 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
21 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved