laRegione
la-legge-svizzera-sulle-banche-viola-la-liberta-di-stampa
Ti-Press
‘La protezione globale del segreto bancario è contraria al diritto internazionale’
02.05.22 - 21:54
Aggiornamento: 03.05.22 - 19:26
Ats, a cura de laRegione

‘La Legge svizzera sulle banche viola la libertà di stampa’

Lo sostiene Irene Khan, relatrice dell’Onu sulla libertà di stampa. La questione sarà tema di discussione davanti alla commissione il 24 giugno.

La legge svizzera sulle banche viola i diritti umani e la libertà di stampa, secondo la relatrice dell’Onu sulla libertà di stampa. Irene Khan ha quindi annunciato l’intenzione di criticare severamente la Svizzera davanti al Consiglio dei diritti umani dell’Onu a giugno per le conseguenze che la normativa comporta per i giornalisti.

"La legge è un esempio di criminalizzazione del giornalismo. È un problema che si riscontra normalmente negli stati autoritari", ha detto Khan in un’intervista pubblicata nell’edizione online del Tages-Anzeiger lunedì sera. La relatrice è molto preoccupata e intende sollevare la questione del segreto bancario in Svizzera al Consiglio dei diritti umani dell’Onu il 24 giugno. Quel giorno presenterà un rapporto sulla "situazione globale della libertà di stampa".

Contraria al diritto internazionale

A suo avviso la protezione globale del segreto bancario è contraria al diritto internazionale, compreso un articolo del Patto Civile delle Nazioni Unite e un articolo della Convenzione dei Diritti Umani, testi che garantiscono la libertà di opinione e di stampa. La Svizzera li ha firmati e deve quindi rispettarli, ha sostenuto Khan.

In base alla nuova normativa la trasmissione di certi dati bancari è punibile con pesanti sanzioni e persino con la reclusione, indipendentemente dal fatto che vi sia un interesse pubblico o meno. Le sanzioni sono molto severe e "questo ha un effetto dissuasivo e spinge i giornalisti a censurarsi", afferma Irene Khan.

È "una censura dei media prima ancora che possano indagare o pubblicare". A suo parere la legge dovrebbe bilanciare il diritto alla privacy delle persone interessate con l’interesse pubblico a conoscere le transazioni finanziarie illegali. Ma il testo attuale "punisce qualsiasi pubblicazione senza eccezione".

Irene Khan aveva già espresso le sue critiche in febbraio, quando un consorzio di media internazionali riferirono che il Credit Suisse aveva accettato per anni autocrati, trafficanti di droga, sospetti criminali di guerra e trafficanti di esseri umani come clienti. I media svizzeri aveva rinunciato a partecipare all’inchiesta, perché i giornalisti rischiavano un procedimento penale, aveva precisato il Tages-Anzeiger su Twitter.

Legge all’esame del Parlamento

La relatrice dell’Onu ha poi scritto una lettera al Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) alla quale ha ricevuto risposta pochi giorni fa, ha detto nell’intervista. Nella missiva il governo svizzero afferma di impegnarsi a favore della libertà di opinione, aggiungendo che nessun giornalista è mai stato perseguito sulla base di questa legge e che il testo è attualmente all’esame del parlamento.

In seguito alle rivelazioni di "Suisse Secrets", la Commissione dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale aveva deciso di affrontare nel secondo trimestre la questione della "libertà di stampa nelle questioni relative alla piazza finanziaria" e di tenere audizioni sul tema. Irene Khan spera ora che il governo "modifichi finalmente la legge in questione per metterla in linea con gli standard internazionali dei diritti umani".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diritti umani irene khan legge svizzera libertà stampa onu
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 min
L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’
Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio.
Svizzera
1 ora
Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago
Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
Svizzera
1 ora
‘Expat stanno scacciando il ceto medio-basso da Zurigo’
Lo afferma il quotidiano zurighese Tages-Anzeiger dopo aver analizzato un rapporto dell’Ufficio comunale delle imposte
Svizzera
2 ore
Istruzione: ‘Mancano insegnanti qualificati’
Il mondo scolastico della Svizzera tedesca e francese è confrontato con la penuria di personale qualificato e l’integrazione degli allievi ucraini
Svizzera
2 ore
Corpo recuperato nelle acque dell’Aare
Si tratta di un 44enne georgiano. La pista privilegiata dagli inquirenti è quella dell’incidente
Svizzera
3 ore
Travail.Suisse esige aumenti salariali fra il 3 e il 5%
L’organizzazione sindacale chiede l’incremento per compensare l’attuale forte aumento del costo della vita e gli incrementi di produttività delle aziende
Svizzera
4 ore
Il futuro sistema di voto online alla prova degli hacker etici
La Posta ha chiesto di effettuare dei test di intrusione pubblici per scovare falle sul sistema che dal 2023 dovrebbe essere a disposizione dei Cantoni
Svizzera
6 ore
‘Sulla cybersicurezza servono regole più forti’
Secondo lo specialista Stéphane Koch, le aziende andrebbero obbligate a garantire la propria sicurezza pena essere ritenute responsabili per gli attacchi
Svizzera
6 ore
Disoccupazione Seco immutata al 2,0% a luglio, in Ticino al 2,3%
Rispetto allo scorso anno il calo è però sensibile, con il 28,7% in meno di persone iscritte nelle liste degli uffici regionali di collocamento (Urc)
Svizzera
1 gior
Buon compleanno ferrovie svizzere: oggi sono 175 anni
Il 7 agosto 1847 la prima linea ferroviaria interamente su suolo svizzero fu aperta al traffico tra Zurigo e Baden. Le Ffs nacquero a inizio del XX secolo
© Regiopress, All rights reserved