laRegione
15.03.22 - 16:49
Aggiornamento: 18:21

Cedu: la Svizzera ha violato il diritto a manifestare

Lo ha fatto imponendo, a causa del Covid, un divieto generalizzato e di lunga durata di tenere eventi pubblici e manifestazioni di protesta

Ats, a cura de laRegione
cedu-la-svizzera-ha-violato-il-diritto-a-manifestare
Keystone

Imponendo un divieto generalizzato e di lunga durata di tenere eventi pubblici e manifestazioni di protesta nell’ambito delle restrizioni decise per combattere la diffusione del Covid, la Svizzera ha violato i diritti dell’associazione sindacale Communauté genevoise d’action syndicale. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu).

In una sentenza pubblicata oggi quest’ultima giudica "sproporzionato" il divieto decretato a partire dal 16 marzo 2020 e le pesanti sanzioni inflitte ai trasgressori. Secondo i giudici, che hanno accolto il ricorso del movimento sindacale con quattro voti contro tre, pur senza sottostimare la minaccia rappresentata dal Covid una simile ingerenza non era "necessaria in una società democratica".

Secondo i giudici di Strasburgo "un divieto generalizzato di un certo comportamento" è "una misura radicale che richiede una giustificazione solida e un controllo particolarmente serio da parte dei tribunali" sulla compatibilità con la Costituzione.

A loro avviso tale controllo "non è stato effettuato dai tribunali interni", sebbene, nella situazione d’emergenza in cui era stata emessa l’ordinanza, esso sarebbe stato "ancor più imperativo". Il divieto di manifestare era stato allentato dal 30 maggio 2020 e poi revocato dal 22 giugno dello stesso anno.

La Cedu afferma pure che la partecipazione a una manifestazione pacifica "non deve, in linea di principio, essere oggetto di una minaccia di sanzioni penali" e deplora "la severità delle sanzioni previste", ossia fino a tre anni di carcere.

Per la violazione dell’articolo 11 (libertà di riunione e associazione) della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali la Svizzera dovrà pagare 3’000 euro di spese giudiziarie alla Communauté genevoise d’action syndicale, che aveva dovuto rinunciare a organizzare una manifestazione in occasione del 1° maggio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna
Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
5 ore
Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle
Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
elezioni cantonali
18 ore
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
18 ore
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
2 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
2 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
© Regiopress, All rights reserved