laRegione
le-sanzioni-alla-russia-non-spaventano-zugo
Keystone
Il landamano Martin Pfister
04.03.22 - 12:18
Aggiornamento: 15:26

Le sanzioni alla Russia non spaventano Zugo

Per l’esecutivo svizzerocentrale, la derivante perdita di entrate fiscali sarà sopportabile. Ma le conseguenze della guerra si faranno sentire

Le conseguenze della guerra in Ucraina sulla congiuntura mondiale colpiranno l’economia locale più duramente delle sanzioni contro la Russia. Ne è convinto il Governo di Zugo, secondo cui la perdita di entrate fiscali dalle aziende e dai cittadini russi è sopportabile. Con la sua economia internazionale e la sua popolazione, Zugo è particolarmente colpito dal conflitto, ha detto oggi in conferenza stampa il landamano (presidente del Governo) Martin Pfister. Una delle prime conseguenze è stata il licenziamento del personale a opera di Nord Stream 2, consorzio di proprietà del gigante energetico russo Gazprom con sede nel capoluogo cantonale che si occupa dell’omonimo gasdotto sottomarino.

Le previsioni in merito alle ripercussioni economiche per Zugo della guerra ucraina sono difficili, dato che non c‘è una definizione generalmente riconosciuta di ’società russa’, ha affermato l’esecutivo davanti ai media. Inoltre, l’effetto delle sanzioni su persone o imprese colpite direttamente o indirettamente è al momento complicato da quantificare.

Sulla base delle cifre del 2020, il Dipartimento delle finanze ha identificato una ventina di società con un collegamento diretto con la Russia. Inoltre, su oltre 80’000 ‘soggetti fiscali’ 300 sono di nazionalità russa. In totale, per il periodo fiscale 2020 queste aziende e persone hanno pagato circa 21 milioni di franchi di tasse al Cantone e 10 milioni ai Comuni. Si tratta di un contributo sostanzioso, la cui perdita però non metterebbe Zugo alle corde, ha assicurato il responsabile delle finanze Heinz Tännler.

Il Governo cantonale ha inoltre condannato l’attacco russo in Ucraina, definendolo una violazione del diritto internazionale. Zugo si sta preparando ad accogliere in tempi brevi almeno 1000 rifugiati in fuga dagli scontri.

Pfister ha comunque sottolineato come la «popolazione russa del canton Zugo non abbia alcuna responsabilità personale nella guerra». L’esecutivo spera che la situazione in Ucraina migliori permettendo di ritrovare rapidamente valori chiave come la pace, la libertà e il benessere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
russiaucraina sanzioni zugo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
45 min
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Street Parade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
2 ore
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
2 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
4 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
4 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
21 ore
In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’
La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
22 ore
Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’
Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
23 ore
Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere
Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
1 gior
Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla
La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
1 gior
Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto
Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
© Regiopress, All rights reserved