laRegione
08.12.21 - 14:30

Incidenti stradali, Ticino ormai nella norma nazionale

Il cantone sudalpino mantiene il triste primato in Svizzera, ma le differenze regionali negli ultimi anni si sono ridotte

incidenti-stradali-ticino-ormai-nella-norma-nazionale
Keystone
Differenze regionali

Berna – Poco più di dieci anni fa il rischio di incidenti stradali con feriti gravi o morti era nettamente più elevato in Ticino che nella Svizzera tedesca o nella Svizzera romanda. Nonostante il Ticino continui a mantenere il triste primato, le differenze regionali in materia di sicurezza stradale si sono ora attenuate. È quanto si evince da un comunicato odierno dell’Ufficio prevenzioni infortuni (Upi).

Un’analisi ha mostrato che nel 2007 il numero di morti o feriti gravi sulle strade per 100’000 abitanti era di 125 in Ticino, 87 nella Svizzera romanda e 67 nella Svizzera tedesca. Nell’arco degli anni tali cifre sono notevolmente diminuite, soprattutto in Ticino, attenuando così le differenze regionali: nel 2020 il numero di feriti gravi o morti per 100’000 abitanti era di 52 in Ticino, 49 nella Svizzera romanda e 45 nella Svizzera tedesca, viene indicato nello studio.

Per contro, il profilo degli incidenti non ha subito grandi cambiamenti e i problemi di sicurezza specifici delle regioni in generale sono rimasti gli stessi. Così, per esempio, la velocità riveste un’importanza maggiore negli incidenti stradali nella Svizzera tedesca e nella Svizzera romanda rispetto al Ticino. Lo stesso vale per l’alcol, più spesso all’origine degli incidenti gravi in Svizzera romanda e in Ticino che in Svizzera tedesca.

Paura dei controlli

Diversi fattori spiegano tali differenze, indica l’Upi. Per esempio una delle ragioni per cui in Ticino si registrano meno sinistri legati alla velocità risiede in una percezione soggettiva più forte del rischio di imbattersi in un controllo. A tale proposito, in Ticino (rispetto alla Svizzera tedesca e alla Svizzera romanda) l’affermazione secondo cui si sarebbe più sicuri rispettando i limiti di velocità riscuote un maggiore consenso.

Infine l’Upi sottolinea che mentre in passato in tutto il Paese gli occupanti di un’automobile rappresentavano il gruppo di utenti stradali più coinvolti negli incidenti gravi, negli ultimi anni (2018-2020) la percentuale maggiore è costituita invece da utenti su due ruote: motociclisti in Ticino (il 42% di tutti i feriti gravi) e Svizzera romanda (34%), e ciclisti (motorizzati e non) in Svizzera tedesca (38%). Ciò è dovuto principalmente al fatto che gli svizzero tedeschi percorrono distanze mediamente due volte più lunghe in bicicletta delle persone domiciliate nelle altre regioni, e la percentuale di coloro che dichiarano di usare la bici (quasi) tutti i giorni è nettamente superiore nella Svizzera tedesca (12%) rispetto al resto della Svizzera (4%), dove le distanze percorse in moto sono maggiori.

Prevenzione differenziata

Dallo studio dell’Upi emerge quanto sia fondamentale proseguire con l’attuazione di misure preventive specifiche in base alle caratteristiche regionali. È indispensabile che le disparità regionali siano tenute in considerazione dalla politica nazionale della sicurezza stradale se si vuole raggiungere l’obiettivo posto dall’Ufficio federale delle strade (Ustra), vale a dire ridurre entro il 2030 il numero di vittime nella circolazione stradale svizzera a meno di 100 e quello dei feriti gravi a meno di 2’500, conclude l’Upi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
2 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
20 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
20 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
22 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
1 gior
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
© Regiopress, All rights reserved