laRegione
28.06.22 - 13:13

Aumentano gli incidenti gravi sulle strade svizzere

Nel 2021 sono stati 3’933, e in duecento casi con esito letale. In Ticino la proporzione più elevata

Ats, a cura de laRegione
aumentano-gli-incidenti-gravi-sulle-strade-svizzere
Ti-Press
Sempre di più

Il numero di feriti gravi è aumentato l’anno scorso sulle strade svizzere, in particolare tra le persone anziane, ma anche tra i ciclisti e i pedoni. È quanto deplora l’Ufficio prevenzione infortuni (Upi) nel suo barometro annuale della sicurezza stradale.

Nel 2021 il numero di persone gravemente ferite in seguito a un incidente della circolazione è salito a 3’933, precisa l’Upi in una nota odierna. Inoltre 200 utenti della strada hanno perso la vita. È cresciuto soprattutto il numero di incidenti gravi che hanno coinvolto pedoni di età superiore a 75 anni, nonché chi usa monopattini elettrici o e-bike lente.

È salito anche il numero di incidenti gravi subiti da giovani motociclisti tra i 15 e 17 anni. In quest’ultima categoria l’aumento è probabilmente dovuto a una decisione politica diventata effettiva all’inizio del 2021, che permette di guidare motociclette e scooter con una velocità fino a 45 km/h già a partire da 15 anni e moto di 125 cc a partire da 16 anni.

Attenzione... alla disattenzione

Le principali cause degli incidenti rimangono la disattenzione e la distrazione (1’348 casi). Seguono il non rispetto delle precedenze (1’030), la velocità eccessiva (852) e l’alcool (462). La maggioranza degli incidenti mortali sono invece dovuti a una velocità non appropriata. Durante gli ultimi cinque anni, gli incidenti imputabili all’eccessiva velocità hanno provocato 700 feriti gravi e 60 decessi, rileva ancora l’Upi.

Gli incidenti in moto (1’114 casi nel 2021) sono la principale causa dei ferimenti gravi di persone. Seguono quelli che riguardano le biciclette "classiche" (841) e le automobili (803). Il numero di sinistri gravi che ha coinvolto le bici elettriche ha continuato ad aumentare (548).

Svizzera romanda e Ticino

Nel 2021, il numero di incidenti gravi è salito nella Svizzera romanda, ma è rimasto stabile nel resto del Paese. Resta comunque proporzionalmente più elevato in Ticino rispetto alle altre regioni linguistiche.

Inoltre, gli incidenti che provocano feriti gravi hanno spesso luogo all’interno delle località, mentre quelli mortali avvengono fuori dalle località. Le perdite del controllo dei veicoli sono altrettanto frequenti che le collisioni, ma hanno conseguenze ben più gravi, scrive ancora l’Upi.

Pochi caschi, velocità eccessiva

Stando alle ultime rilevazioni, gli utenti della strada possono fare di più per la propria sicurezza e quella degli altri. Sui sedili posteriori delle automobili, ad esempio, una persona su dieci non allaccia la cintura di sicurezza. Il 30% degli utenti di e-bike lente circola senza casco e il tasso è addirittura del 43% per chi usa una bicicletta convenzionale.

Infine, una persona su tre si distrae nel traffico, tra i pedoni addirittura una su due. Molti automobilisti premono invece troppo sull’acceleratore nei tratti a 30 km/h: solo il 46% rispetta il limite di velocità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
8 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
10 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
12 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
12 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
13 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
14 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
14 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
15 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved