laRegione
31.10.21 - 12:38
Aggiornamento: 14:11

Pagare di più la benzina e il riscaldamento? Svizzeri divisi

La popolazione è poco incline a versare qualche soldo in più in tasse per la protezione del clima. A rivelarlo un sondaggio di Tamedia e ‘20 Minuten’

Ats, a cura de laRegione
pagare-di-piu-la-benzina-e-il-riscaldamento-svizzeri-divisi
Archivio TiPress

Le tasse d’incentivazione per la protezione del clima non convincono in pieno gli svizzeri, che appaiono divisi sul tema. In particolare, è evidente il divario fra aree urbane e rurali quando c’è da mettere mano al portafoglio per fare il pieno di benzina e riscaldarsi, mette in evidenza un sondaggio di Tamedia e “20 Minuten”.

Alla domanda su quanto in più sarebbero disposti a pagare per un pieno di benzina da 80 franchi pensando alla protezione ambientale, il 43% dei partecipanti all’inchiesta ha risposto un eloquente “niente”. Il 24% potrebbe spingersi fino ad aggiungere 10 franchi, un altro 24% da 10 a 40 franchi. Solo il 7% è aperto a spendere più di 40 franchi.

Il sondaggio, pubblicato oggi dai domenicali “SonntagsZeitung” e “Le Matin Dimanche”, rivela anche che l’aumento del prezzo del carburante è meno popolare fra gli uomini: il 53% non vuole sborsare più soldi per tutelare il clima, quota che scende al 34% fra le donne. Per quanto riguarda le diverse fasce d’età, tale percentuale si situa al 48% per i giovani fra i 18 e i 34 anni e al 39% per gli over 65.

Sensibile la differenza fra città e campagna. Nelle aree urbane, è il 35% a dire no a spese maggiori in nome della protezione del clima, in quelle rurali il 50%. I sostenitori dell’UDC sono categoricamente contrari a un incremento dei prezzi della benzina (78%). Senza sorpresa, è della stessa opinione solo il 10% di chi afferma di votare per i Verdi.

Ma anche in altri ambiti buona parte degli svizzeri sembra poco propensa a pagare di più per salvaguardare l’ambiente. Ad esempio, il 43% (52% uomini, 33% donne) rifiuta una bolletta del riscaldamento gonfiata. Pure in questo caso sono i giovani, chi abita in campagna e l’elettorato dell’UDC le categorie più riluttanti.

Una certa resistenza, pur se inferiore, si nota anche riguardo l’acquisto di vestiti: il 36% delle persone sollecitate nel quadro dell’indagine non è intenzionato a sborsare di più per difendere l’ambiente. Tra i vari gruppi sociali il trend è simile a quello sopraccitato, anche se si osserva un fossato meno pronunciato fra campagna e città (38%-31%). Globalmente circa uno svizzero su tre (32%) dice invece no a un aumento del costo dei viaggi in aereo.

Il sondaggio, condotto dalla società specializzata LeeWas, ha coinvolto oltre 23’000 persone in tutta la Svizzera il 9 e il 10 ottobre. Il margine di errore è di 1,1 punti percentuali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
20 min
Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli
Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
1 ora
Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto
Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
3 ore
L’imposizione individuale è stata messa in consultazione
Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
4 ore
Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera
Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
5 ore
Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino
Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
Svizzera
8 ore
‘Qui a Palazzo le persone mi conoscono, ed è questo che conta’
È stato definito ‘principe del lobbismo’, ‘petro-lobbista’, ‘cacciatore di mandati’. Albert Rösti spiega perché non fa nulla di strano, o di male
Svizzera
1 gior
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
1 gior
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
1 gior
‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’
Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
1 gior
In dogana con un ghepardo imbalsamato
Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
© Regiopress, All rights reserved