laRegione
22.09.21 - 11:46
Aggiornamento: 12:30

Sospendere la libera circolazione in Ticino, No degli Stati

Lo chiedeva una mozione del presidente Udc Marco Chiesa respinta per 27 voti a 7. Keller-Sutter: ‘Il Ticino è vittima del suo successo. Misure già prese’

Ats, a cura de laRegione
sospendere-la-libera-circolazione-in-ticino-no-degli-stati
(TI-Press)

“Il Ticino è vittima del suo successo”. Così oggi la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha giustificato il “no” del governo alla mozione di Marco Chiesa - poi bocciata dal Consiglio degli Stati per 27 voti a 7 - con cui il presidente dell’UDC propugnava una moratoria sulla libera circolazione per quei cantoni e regioni malmenati dalla crisi imputabile alla pandemia.

Tale moratoria, secondo Chiesa, andrebbe accompagnata dalla reintroduzione della preferenza indigena e dal contingentamento dei permessi, fintanto che la situazione del mercato del lavoro tornerà a condizioni più “normali”.

Nelle intenzioni del presidente dell’UDC, per raggiungere questo obiettivo il Consiglio federale avrebbe dovuto convocare urgentemente il Comitato misto Svizzera-UE per cercare una soluzione per il mercato del lavoro in crisi così come prevede l’articolo 14 dell’accordo sulla libera circolazione tra Berna e Bruxelles.

A giustificazione della sua iniziativa, ma anche consapevole che la sua mozione sarebbe in ogni caso rimasta lettera morta, Chiesa ha elencato tutte le ripercussioni negative imputabili alla libera circolazione, come il forte incremento dei lavoratori stranieri, continuato anche durante la crisi, e il parallelo aumento della disoccupazione tra i residenti, ormai al 9% come indicano i dati ILO.

Oltre all’effetto di sostituzione della forza lavoro locale con quella importata, e il dumping salariale galoppante che nemmeno i Contratti normali di lavoro riescono a fermare, la situazione attuale ha spinto e spinge sempre più residenti formati a lasciare il Ticino in cerca di occasioni professionali nei Cantoni della Svizzera interna che consentano loro di vivere, ha affermato Chiesa.

E, oltre al danno, anche la beffa. Il “senatore” democentrista ha rammentato i privilegi fiscali di cui godrebbero i frontalieri sia rispetto ai lavoratori residenti sia rispetto ai loro connazionali (il nuovo accordo in materia tra la Svizzera e l’Italia sulla tassazione dei frontalieri, che dovrebbe portare maggiore equilibrio in materia, è ancora in alto mare a Roma per quanto riguarda l’iter parlamentare in vista della sua approvazione, n.d.r)

Qualcosa insomma non quadra nel Cantone se, a fronte di un numero di frontalieri in crescita - gli occupati stranieri hanno ormai superato quelli residenti - i disoccupati aumentano e sempre più persone devono accontentarsi di impieghi precari e mal retribuiti. Nemmeno l’introduzione di un salario minimo riuscirà secondo il ticinese a fermare questa tendenza; anzi, la situazione a suo avviso potrebbe peggiorare e trascinare verso il basso le remunerazioni.

Me per il Consiglio federale, una moratoria come quella chiesta da Chiesa, in virtù dell’articolo 14 dell’accordo sulla libera circolazione, non è la soluzione ai problemi del Ticino o di quei cantoni e regioni che risentono maggiormente della pressione dall’estero, accentuatasi durante questa crisi pandemica.

A detta di Karin Keller-Sutter, non siamo di fronte a un grave perturbamento del mercato del lavoro come illustrato dall’autore della mozione tale da giustificare la convocazione urgente del Comitato misto Svizzera-Ue. Capisco le sue preoccupazioni, ha dichiarato Keller-Sutter, ma in un certo senso “il Ticino è vittima del suo successo”. Lo sviluppo economico è stato tale infatti negli ultimi anni da necessitare il reclutamento di manodopera estera, specie dalla Lombardia, perché il mercato del lavoro ticinese non è di per sé grande.

Quanto alle contromisure ai problemi sollevati dall’autore della mozione, la ministra di giustizia e polizia ha citato i contratti normali di lavoro, possibilità di cui il Ticino ha fatto ampio uso, e l’obbligo di annuncio dei posti vacanti che dovrebbe dare ai disoccupati indigeni un margine di vantaggio su chi cerca lavoro dall’estero; si tratta di strumenti applicati con successo, a parere della ministra sangallese del PLR.

Nel suo intervento, Karin Keller-Sutter ha poi rammentato anche il prezioso contributo dei numerosi frontalieri impiegati nel settore sanitario durante la crisi pandemica, tanto che la legge Covid prevede proprio delle eccezioni per la forza lavoro che abita appena oltre il confine.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
8 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
10 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
11 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
12 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
13 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
13 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
14 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
15 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved