laRegione
30.08.21 - 15:23

La Fifa: nel calciomercato spesi quasi 50 miliardi in 10 anni

Lo indica la Fifa in un rapporto relativo al periodo 2011-2020: i trasferimenti di calciatori sono costati complessivamente 48,5 miliardi di dollari

la-fifa-nel-calciomercato-spesi-quasi-50-miliardi-in-10-anni
(Keystone)

In dieci anni sono stati spesi 48,5 miliardi di dollari (44,5 miliardi di franchi) in trasferimenti internazionali nel calcio maschile. Lo rende noto un rapporto della Fifa relativo al periodo 2011-2020.

Si tratta dello studio più esaustivo fino ad oggi sugli ingaggi nel mondo del calcio, che conferma l'aumento ininterrotto dell'attività nel mercato dei trasferimenti nell'ultimo decennio.

Nel 2011 sono stati registrati 11'890 trasferimenti e nel 2019 è stato raggiunto un massimo di 18'079. In quel periodo sono stati effettuati un totale di 133'225 trasferimenti e incarichi internazionali e sono stati investiti 48,5 miliardi di dollari.

Un totale di 66'789 giocatori e 8264 club di 200 federazioni membri della federazione internazionale Fifa hanno recitato un ruolo nei trasferimenti, cifre che evidenziano il peso del calcio nell'economia globale. Con 15'128 trasferimenti, i brasiliani sono in cima alla lista dei giocatori destinati a club stranieri; seguono gli argentini (7444), gli inglesi (5523), i francesi (5027) e i colombiani (4287).

I club europei guidano la spesa per i trasferimenti. Negli ultimi dieci anni, il numero di club che hanno operato a livello internazionale è cresciuto di oltre il 30%, da 3167 nel 2011 a un picco di 4139 nel 2019. L'elenco dei primi 30 club è composto esclusivamente da società europee: Inghilterra (dodici), Spagna e Italia (cinque ciascuno), Germania (tre), Francia e Portogallo (due) e Russia (una). Questi 30 club hanno speso un totale di 22,8 miliardi di dollari, che rappresentano il 47% del totale globale per il decennio.

Preoccupante poi il dato che evidenzia come i contributi di solidarietà, con l'importo del 2020 (38,5 milioni di dollari) che rispecchia quello del 2011 (38,0 milioni di dollari). Sebbene il calo possa essere ricondotto alla pandemia da Covid-19, c'è un altro numero che va a forte contrasto ed è l'aumento delle commissioni corrisposte agli agenti, passati da 131,1 milioni di dollari nel 2011 a 640,5 nel 2019.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
3 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
4 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
7 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved