laRegione
test-rapidi-poco-efficaci-inadeguati-per-la-crisi
Ti Press
26.08.21 - 12:13
Aggiornamento: 13:14
Ats, a cura de laRegione

'Test rapidi poco efficaci, inadeguati per la crisi'

Secondo una ricerca effettuata dall'Intelspital e dall'Università di Berna, rileverebbero due infezioni su tre nelle persone con sintomi

Il test rapido antigenico approvato in Svizzera è meno efficace di quanto indicato dal produttore, Roche. È quanto emerge da una ricerca effettuata dall'Inselspital, l'ospedale universitario di Berna, e dalla locale università. I ricercatori hanno pure stabilito un solido raffronto con la qualità delle analisi Pcr. "I risultati dello studio si discostano notevolmente dalle indicazioni del produttore", indica un comunicato diramato oggi dalle due istituzioni: i test rapidi antigenici hanno rilevato solo due infezioni su tre e nelle persone senza sintomi nemmeno la metà. Sulla base di questi risultati i ricercatori giudicano tali analisi uno strumento poco adatto per fronteggiare la pandemia.

Il contesto

L'attuale discussione sulla gestione dell'epidemia di Covid-19 in Svizzera fa riferimento al modello secondo cui le persone che sono state vaccinate, che sono guarite e che sono testate negative dovrebbero beneficiare di facilitazioni. I test Pcr hanno dimostrato di essere affidabili. I test rapidi antigenici dovrebbero essere usati se non è possibile aspettare 48-72 ore per un risultato.

I ricercatori hanno voluto effettuare il "primo" confronto sistematico dei due test "in condizioni reali", si legge nella nota. Lo studio è stato realizzato presso l'Istituto delle malattie infettive dell'ateneo della città federale e pubblicato sulla rivista specializzata International Journal of Infectious Diseases.

Test antigenici: rivelate solo 2 infezioni su 3

"Nel complesso, il test Pcr ha identificato 141 persone infette (9,6%) per l'insieme del campione di 1'465 test. Il test rapido antigenico invece ha trovato solo 95 infezioni (6,4%), cioè su tre persone positive alla Pcr, solo due sono state identificate con il test rapido. L'errore è stato ancora più pronunciato per le persone senza sintomi: solo il 44% delle persone positive alla Pcr ha potuto essere identificato. I risultati dello studio si discostano quindi notevolmente dalle indicazioni del produttore", recita il comunicato.

Con questo lavoro, per la prima volta sono disponibili "risultati comparabili e affidabili" dalla Pcr e dai test rapidi antigenici. "Lo scostamento della sensibilità determinata qui rispetto alle indicazioni del produttore ha sorpreso", insistono i ricercatori.

Perplessità sull'impiego nel mondo reale

I risultati dello studio mostrano l'affidabilità dei test in un ambiente clinico con professionisti ben preparati. Nella pratica quotidiana, si può supporre che si otterrebbero valori ancora meno buoni, scrivono l'ateneo e l'Inselspital.

Attualmente, si stima che ogni settimana in Svizzera vengano effettuati 130'000 test rapidi. Con circa il 18% di risultati positivi, 23'400 persone sono correttamente identificate come positive, ma 12'400 persone infette passano attraverso le maglie del test.

"Queste 12'400 persone si sentono al sicuro perché sono risultate negative al test e partecipano alle riunioni di famiglia, vanno ai concerti e alle partite di calcio. C'è quindi un rischio potenziale che i test antigenici rafforzino la pandemia invece di rallentarla", dichiara il responsabile dello studio, il professor Michael Nagler, citato nella nota.

"Lo studio dimostra che i test rapidi antigenici sono adatti solo in misura limitata per escludere in modo affidabile un'infezione da SARS-CoV-2. I test rapidi disponibili oggi dovrebbero quindi essere utilizzati solo con riserve come strumento per lottare contro il Covid-19", sostiene Nagler, sempre citato nella nota.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
infezioni risultati test rapidi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Minacce a Dick Marty, ‘bruciato’ un informatore
Grave errore di procedura dell’Ufficio federale di polizia nella gestione della vicenda concernente l’ex magistrato e consigliere agli Stati
Svizzera
3 ore
Riforma Ocse: applicazione iniqua per il Ps
Necessario livellare la ripartizione fra Cantoni. Wermuth: ‘Deve adempiere il suo obiettivo iniziale: non incoraggiare la concorrenza’
Svizzera
4 ore
Abbattuto il lupo problematico del canton Glarona
L’animale si era reso protagonista degli attacchi a 13 pecore e 2 capre nella regione della Krauchtal, del Kerenzerberg e della Mürtschental
Svizzera
4 ore
Incidente ferroviario a Wanzwil, perturbazioni fino alle 10.30
A causa dei danni subiti nell’impatto con il capriolo, il convoglio è stato evacuato. Treni da e per Olten deviati via Burgdrof
Svizzera
5 ore
‘Segnale positivo in favore della piazza finanziaria’
In vista delle votazioni federali del 25 settembre, Ueli Maurer lancia la campagna e difende la riforma dell’imposta preventiva
Svizzera
6 ore
Treno urta un capriolo: grossi disagi sulla linea Berna-Olten
La collisione è avvenuta stamane alle 7.25 nei pressi di Wanzwil (Be). Danneggiato il sistema di aerazione
Svizzera
1 gior
Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus
Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
1 gior
Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari
Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
1 gior
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
1 gior
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
© Regiopress, All rights reserved