laRegione
31.05.21 - 16:10
Aggiornamento: 18:44

Banche svizzere e clima, le pagelle del Wwf

Gli istituti hanno compiuto progressi, ma resta ancora parecchio da fare. Insufficiente la performance nelle attività di investimento e finanziamento.

banche-svizzere-e-clima-le-pagelle-del-wwf
Keystone
Zurigo, 13 febbraio 2020: attivisti protestano davanti alla sede del Credit Suisse

Zurigo – Le banche svizzere hanno fatto progressi in materia di sostenibilità, ma l'attuazione degli obiettivi climatici previsti dagli accordi di Parigi non è ancora ancorata nella loro attività: lo sostiene uno studio realizzato da Wwf insieme alla società di consulenza PwC, che dà i voti a 15 istituti.

Tutte le società analizzate sono attivamente impegnate sul fonte del clima, dell'ambiente e della socialità, si legge in un comunicato odierno di Wwf. Le banche si concentrano però sull'impatto ambientale delle loro operazioni commerciali, mentre poche hanno adottato obiettivi e provvedimenti concreti per il fulcro della loro azione, cioè l'attività di investimento e finanziamento. Le soluzioni di credito che promuovono e finanziano progetti specificamente sostenibili sono ancora una rarità, scrive l’organizzazione ecologista.

Opacità 

La gamma di prodotti e servizi sostenibili è stata ampliata, ma il modo in cui i fattori ecologici sono presi in considerazione varia ampiamente: i clienti spesso non si trovano ancora di fronte alla trasparenza necessaria per prendere decisioni di investimento informate.

Sulla base dell'analisi la ricerca ha diviso le 15 principali banche svizzere attive nel comparto retail (quello che comprende i servizi di base e che interessa una vasta clientela non particolarmente ricca) in cinque categorie. Viene fatta la differenza fra istituti visionari (nessuno fra quelli considerati), pionieri (nessuno), inseguitori (Credit Suisse, Ubs, Raiffeisen, nonché le banche cantonali di Zurigo, Berna, Basilea e Basilea Campagna), gruppo centrale (PostFinance, Migros, Valiant, nonché le banche cantonali di Grigioni, Vaud e San Gallo) e ritardatari (banche cantonali di Argovia e Lucerna).

Anche nella precedente edizione del rating (risalente al 2016/2017) non vi erano state società inserite nelle prime due classi, quelle dei visionari e dei pionieri. Sono però stati fatti passi avanti in vari comparti.

‘Grande potenziale’

"I risultati dello studio dimostrano che esiste un grande potenziale per gli istituti finanziari di differenziarsi, attraverso una maggiore integrazione dei criteri di sostenibilità, dando un contributo efficace all'attuazione di intese internazionali come l'accordo di Parigi", afferma il presidente della direzione di PwC Svizzera Andreas Staubli, citato nel comunicato. "Da una banca di base ci aspettiamo che trovi un giusto equilibrio a lungo termine tra gli interessi ambientali, sociali ed economici", osserva da parte sua il Ceo di Wwf Svizzera Thomas Vellacott, pure citato nella nota.

Nuovi obblighi

Banche e assicurazioni devono informare adeguatamente il pubblico riguardo ai rischi legati ai cambiamenti climatici: lo impone la Finma, l'autorità elvetica di vigilanza dei mercati finanziari, che ha adeguato due circolari in materia.

Dal primo luglio gli istituti saranno tenuti a descrivere i principali rischi finanziari in correlazione al clima e il loro influsso sulla strategia commerciale, sul modello operativo e sulla pianificazione finanziaria, spiega l'organismo in un comunicato odierno. Le informazioni richieste dovranno essere di natura qualitativa e quantitativa.

La Finma basa le sue norme - che per il momento concernono solo le società più grandi: un'estensione a quelle medie e piccole sarà valutata - sulle raccomandazioni emanate dalla Task Force on Climate-related Financial Disclosures (Tcfd). Questo è un organo creato nel 2015 dal Financial Stability Board (Fsb, organismo internazionale promosso per ridurre il rischio di crisi finanziarie) con l'obiettivo di far sì che gli investitori siano informati sui rischi e le opportunità legati al clima.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
12 ore
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
12 ore
‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’
Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
13 ore
In dogana con un ghepardo imbalsamato
Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
13 ore
Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali
A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
13 ore
Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà
È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
15 ore
Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach
Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
15 ore
Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria
Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
16 ore
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
16 ore
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
© Regiopress, All rights reserved