laRegione
09.04.21 - 11:43

In Svizzera nel 2020 si sono stabilite 220 imprese straniere

Le aziende che si sono stabilite in Svizzera lo scorso anno hanno creato 1'168 posti di lavoro, altri 3'600 in previsione entro tre anni

Ats, a cura de laRegione
in-svizzera-nel-2020-si-sono-stabilite-220-imprese-straniere
(Ti-Press)

Duecentoventi imprese straniere hanno scelto di stabilirsi in Svizzera nel 2020, creando 1168 posti di lavoro nel primo anno della loro attività. In totale, queste aziende prevedono di creare circa 3'600 posti di lavoro entro tre anni, una cifra in aumento del 21% rispetto a quella del 2019.

Questa evoluzione positiva è avvenuta nonostante le difficili condizioni del mercato, ha comunicato oggi la Conferenza dei direttori cantonali dell'economia pubblica (CDEP), che ogni anno esamina le imprese che hanno potuto insediarsi in Svizzera grazie alle agenzie di sviluppo economico cantonali, regionali e nazionali.

Nonostante le 220 imprese che si sono stabilite in Svizzera nel 2020 siano 23 in meno (-9%) rispetto all'anno precedente, il totale di 1'168 nuovi posti di lavoro nel primo anno di attività supera di 119 (+11%) il risultato delle aziende stabilitesi nel 2019.

Con un totale di 3'583 nuovi posti di lavoro previsti nei prossimi tre anni, è stato superato anche il livello dell'anno precedente (2970, +21%), viene precisato.

Tecnologie del futuro

Come nel 2019, la maggior parte delle nuove aziende venute a stabilirsi in Svizzera sono attive nei settori della tecnologia dell'informazione e della comunicazione o delle scienze della vita, sottolinea la CDEP aggiungendo che in termini geografici, la maggior parte delle aziende di nuova costituzione provengono dalla Francia, dagli Stati Uniti e dalla Cina.

L'attuale strategia 2020-2023 della promozione economica mette un accento particolare sulle tecnologie del futuro e si rivolge alle aziende innovative ad alto valore aggiunto. L'obiettivo è di contribuire alla prosperità del paese attirando tali aziende. Con il loro know-how innovativo, queste aziende contribuiscono al valore aggiunto locale per l'economia e la società, secondo la CDEP.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera
Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
11 ore
Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi
La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Ecuador
13 ore
Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti
Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
14 ore
Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze
Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
14 ore
Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’
Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
14 ore
Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance
Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
16 ore
Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera
Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
1 gior
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
1 gior
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
1 gior
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
© Regiopress, All rights reserved