laRegione
05.04.21 - 18:25
Aggiornamento: 19:07

San Gallo: liberati i 60 fermati

Dopo gli scontri di venerdì notte con la polizia, la situazione in città è tornata tranquilla

Ats, a cura de laRegione
san-gallo-liberati-i-60-fermati
Un momento degli scontri di venerdì notte (Keystone)

Sono state liberate le 60 persone fermate dalla polizia di San Gallo per accertamenti. Gli interventi si sono resi necessari dopo che nuovi appelli allo scontro con le forze dell'ordine erano stati lanciati sui social media.

Ulteriori danneggiamenti hanno potuto essere evitati, ha detto il portavoce della polizia cittadina Roman Kohler Materiale pericoloso è stato confiscato e, come già riferito, circa 500 persone sono state fatte allontanare.

Kohler valuta l'operato della polizia corretto. Nuovi scontri sono stati infatti impediti. Le persone allontanate che si sentono trattate ingiustamente hanno la possibilità di sporgere un reclamo scritto alla polizia.

Dopo gli incidenti di venerdì erano stati calcolati danni per circa 50'000 franchi, una cifra che potrebbe ancora salire. La polizia accoglie ancora eventuali denunce per danneggiamenti.

Sindaca: misure proporzionate

La sindaca di San Gallo Maria Pappa ha definito proporzionate le operazioni di polizia relative ai disordini, che hanno permesso di limitare i danni. Gli agenti hanno dapprima cercato il dialogo, intervenendo solo quando alcuni dei giovani sono diventati violenti. Dopo l'escalation di venerdì, ieri le forze dell'ordine erano preparate e hanno potuto agire preventivamente, ha fatto notare l'esponente socialista.

Tuttavia, su 500 allontanamenti, non vi è da escludere che qua e là ve ne siano stati anche di ingiustificati, ha ammesso Pappa. Ma gli estesi controlli hanno impedito che la situazione degenerasse, ha aggiunto. Per esempio, è stato sequestrato del materiale potenzialmente pericoloso, come benzina e bottiglie.

Questo però non significa che ora il problema sia risolto, ha proseguito la sindaca, parlando dell'esistenza di un "conflitto sociale" che esige una valutazione a livello politico. La gestione della crisi del coronavirus ha in effetti a suo avviso scatenato risentimento e paura in molte persone. Pappa, che ha tentato di parlare con qualcuno dei presenti venerdì prima dello scatenarsi del caos, ha comunque tenuto a precisare che solo una piccola minoranza dei giovani puntava alla violenza, mentre gran parte l'ha condannata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs
K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila
Svizzera
2 ore
‘Finora tante promesse, ma troppi pochi soldi’
Il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto sta ancora attendendo i 30 milioni preannunciati da imprese e organizzazioni economiche
Svizzera
2 ore
Abbattuta una giovane lupa in Val Lumnezia
L’esemplare faceva parte del branco di Wannaspitz. L’autorizzazione a cacciarla era stata emessa a inizio settembre
Svizzera
3 ore
Non ci sarà recessione, ma una crescita del Pil più lenta
Lo indicano le previsioni del Kof, che rivede al ribasso la progressione del Prodotto interno lordo
Svizzera
4 ore
La Città di Zurigo ‘congela’ la cannabis legale
Decisione inevitabile in attesa dell’approvazione definitiva del progetto da parte di Berna. Il tutto slitta alla prima metà del 2023
Svizzera
5 ore
La distribuzione di eroina in forma agevolata proseguirà
Le persone stabili dal punto di vista sociosanitario potranno continuare a portare le dosi in compresse a casa anziché recarsi giornalmente nei centri
Svizzera
5 ore
Grigioni, passo avanti per il centro Sup
La commissione preparatoria del Gran Consiglio retico avalla il progetto per la costruzione della nuova Scuola universitaria professionale
Svizzera
5 ore
I funzionari pubblici ginevrini incrociano le braccia
Dal malcontento per il budget 2023 allo sciopero: mercoledì prossimo una giornata di astensione dal lavoro. Baud: ‘È la prima tappa’
Svizzera
6 ore
‘Pronti a ritirare l’Iniziativa per i ghiacciai’
Soddisfatto dal controprogetto, a determinate condizioni il comitato promotore potrebbe fare retromarcia
Svizzera
7 ore
Il mercato del lavoro ha raggiunto il suo picco
Dopo mesi di forte crescita (+15% da inizio anno), le offerte di impiego sembrano essersi arrestate: 1% nell’ultimo trimestre
© Regiopress, All rights reserved