laRegione
export-armi-ecco-il-controprogetto-del-governo
Keystone
Palla al Parlamento
05.03.21 - 12:28
Aggiornamento: 18:06

Export armi, ecco il controprogetto del governo

Il Consiglio federale giudica troppo rigida l’Iniziativa correttiva e propone di ancorare in una legge i criteri di autorizzazione.

Berna – Il controprogetto all'iniziativa popolare "Contro l'esportazione di armi in Paesi teatro di guerre civili (Iniziativa correttiva)", che prevede un inasprimento della prassi in materia, è pronto per l'esame parlamentare. Nel licenziarlo, oggi, l'esecutivo invita anche le Camere a respingere la proposta di modifica costituzionale.

La volontà di presentare una controproposta all'iniziativa era stata annunciata dal Governo già nel dicembre del 2019. I contenuti erano stati presentati dall'esecutivo nel marzo scorso e confermati in ottobre al termine della procedura di consultazione.

L’iniziativa

L'iniziativa, che ha raccolto 126'355 firme valide in soli sei mesi, vuole fissare nella Costituzione il diritto per Parlamento e popolo di avere voce in capitolo nella vendita all'estero di materiale bellico. Attualmente tale competenza spetta esclusivamente al Consiglio federale che ne fissa i contenuti in una ordinanza.

L'iniziativa prende spunto dalla revisione dell'ordinanza sulle armi proposta - e poi abbandonata - dal Consiglio federale, che avrebbe consentito alla Svizzera di esportare armamenti anche verso Paesi teatro di conflitti interni. Un'alleanza anti-export si era formata con esponenti di Ps, Verdi, Verdi liberali, borghesi-democratici, evangelici, ambienti ecclesiastici, sindacati e organizzazioni umanitarie.

Una via di mezzo

Il controprogetto si situa a metà strada: prevede che i criteri di autorizzazione vengano sanciti a livello di legge. L'inserimento di tali esigenze nella Costituzione, come chiesto dall'iniziativa, priverebbe infatti il Consiglio federale e il Parlamento "della competenza necessaria per adeguarli", spiega l'esecutivo in una nota.

"Il Parlamento - prosegue il Governo - non potrebbe quindi più assicurare il mantenimento dei settori economici importanti per la sicurezza del Paese, come previsto dalla legge sul materiale bellico". L'iniziativa mette anche in discussione il regime speciale sulla fornitura di pezzi di ricambio: le imprese elvetiche non potrebbero più adempiere ai loro obblighi contrattuali. Ciò potrebbe compromettere la reputazione della Svizzera come partner economico affidabile.

Controllo democratico rafforzato

Trasferendo i criteri d'esportazione dall'ordinanza alla legge si potrebbe comunque rafforzare il controllo democratico. In caso di necessità, afferma il Governo, il Parlamento potrebbe modificare la legislazione ma grazie al diritto di referendum l'ultima parola spetterebbe comunque al popolo.

Da notare poi che il controprogetto prevede un ulteriore inasprimento della prassi attuale in materia di autorizzazione, che è già molto più restrittiva di quella di altri Paesi europei. Non sarà più possibile derogare al divieto di esportare materiale bellico in Paesi che violano in modo grave e sistematico i diritti umani.

Con questa modifica la Svizzera andrebbe ben oltre quanto previsto dal Trattato internazionale sul commercio delle armi o le istruzioni dell'Ue destinate agli Stati membri, evidenzia il Consiglio federale ricordando come le esportazioni verso i cosiddetti Paesi teatro di guerre civili sono in ogni caso escluse.

Margine di manovra assicurato

Il controprogetto consentirà comunque al Governo di derogare, entro un quadro ben definito, ai criteri di autorizzazione "in presenza di eventi straordinari se lo impone la salvaguardia degli interessi della politica estera o della politica di sicurezza della Svizzera". Questa necessità di ponderare gli interessi, emersa durante la procedura di consultazione, è per esempio importante, spiega l'esecutivo, "nel caso di affari di compensazione (offset) legati a un acquisto di armamenti da parte dell'esercito svizzero".

Infine, il controprogetto prevede pure una deroga per le esportazioni di materiale bellico destinato a interventi a favore della pace, come le operazioni di mantenimento della pace effettuate sulla base di un mandato delle Nazioni Unite o dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi consiglio federale controprogetto export iniziativa correttiva
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Violenti nubifragi su gran parte della Svizzera
Diversi disagi e danni a causa dei violenti temporali. Situazione critica soprattutto nel Canton Berna
Svizzera
10 ore
‘Per la tutela del clima necessaria un’altra fiscalità’
Lo dice Gioventù socialista, che lancia l’‘Iniziativa per il futuro’. Osteggiata dai Giovani liberali: ‘Attacco frontale al modello svizzero’
Svizzera
10 ore
Per Viktor Janukovyč sanzioni anche Svizzere
La Confederazione si allinea a quanto deciso dall’Unione europea: pure l’ex presidente ucraino, assieme a suo figlio, finisce sulla lista
Svizzera
11 ore
Si schianta un aliante in Vallese, muore il pilota 72enne
Il velivolo è precipitato ieri sera sul ghiacciaio vallesano del Giétro, nella Val de Bagnes
Svizzera
12 ore
Tenta una rapina in banca, ma poi si dà alla fuga
Un 25enne ceco si è presentato con un coltello allo sportello della Banca Cantonale Grigoine di St. Moritz. La polizia lo ha poi arrestato
Svizzera
12 ore
Indennità di servizio civile va calcolata su base realistica
Lo ha stabilito il Tribunale federale di Lucerna, che sconfessa una decisione del Tribunale cantonale di Basilea Campagna
Svizzera
12 ore
Dal Ticino più diretti in Romandia. Aggirando Visp
Dopo anni di lavori, il 23 settembre aprirà la circonvallazione autostradale della località vallesana. Ma per ora solo sull’asse est-ovest
Svizzera
13 ore
Ecco le contromosse per scongiurare il blackout
Via libera alle trattative per l’utilizzo di centrali elettriche di riserva. E si valuta pure l’impiego dei generatori di emergenza
Svizzera
14 ore
Caro-benzina, verso un’inchiesta e un calcolatore dei prezzi
La Commissione economia e tributi al Nazionale ha accolto una mozione per affidare alla Comco un’inchiesta su eventuali distorsioni della concorrenza
Svizzera
14 ore
Ritrovato morto l’alpinista disperso sopra Flims
Il corpo senza vita dell’uomo, segnalato disperso da qualche giorno dal canton Zurigo, è stato ritrovato ai piedi della sella del Surenjoch (Gr/Gl)
© Regiopress, All rights reserved