laRegione
04.03.21 - 15:01
Aggiornamento: 18:30

Antenna 5G in fiamme nel canton Berna

L’impianto appartiene alla Swisscom, che ha sporto denuncia. La polizia sospetta il dolo.

antenna-5g-in-fiamme-nel-canton-berna
Keystone
Non sarebbe il primo atto vandalico

Berna – Un incendio è stato appiccato in febbraio a un'antenna di telefonia mobile 5G nel villaggio di Uttigen (Be), nei pressi di Thun. Sul posto c'erano scritte che, minacciando altri incendi, richiedevano ai fornitori di telefonia mobile di donare milioni di franchi per i bambini.

La polizia cantonale bernese ha confermato a Keystone-Ats una notizia in tal senso diffusa oggi dal quotidiano "Berner Zeitung". Non si tratterebbe del primo incendio doloso ai danni di un’antenna 5G.

Scarabocchi ricattatori

Una chiamata al numero di emergenza ha segnalato un incendio all'impianto dell'antenna intorno all'1.30 dello scorso 22 febbraio. Quando i pompieri sono arrivati sul posto, le fiamme si erano già spente da sole. Degli scarabocchi imprecisi lasciati sulla struttura dell'antenna vengono interpretati come un ricatto a Swisscom, Sunrise Upc e Salt, che dovrebbero effettuare delle donazioni. Ulteriori indagini sono ancora in corso, precisa la polizia cantonale.

Denuncia penale

L'impianto per il 5G di Uttigen appartiene a Swisscom. La società ha detto a Keystone-Ats che stima il danno a poco più di 30mila franchi, e che ha presentato una denuncia penale.

Dal canto suo Salt ha affermato che generalmente non risponde ai ricatti, e di solito sporge denuncia quando i suoi impianti sono bersaglio di atti di vandalismo. Si tratta infatti di un problema che la maggior parte dei fornitori di telefonia mobile conosce bene.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
7 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
9 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
11 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
13 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved