laRegione
22.02.21 - 15:29

Un quarto dei vodesi è immune al coronavirus

Quasi tutte le persone rilevate come immuni lo sono in quanto si sono infettate e hanno sviluppato gli anticorpi. Il 98% ha ancora gli anticorpi dopo 11 mesi

un-quarto-dei-vodesi-e-immune-al-coronavirus
(Keystone)

Un quarto dei vodesi ha sviluppato in questo momento anticorpi contro il coronavirus. Lo mette in risalto uno studio, secondo cui la quota di immuni, rispetto ai rilevamenti precedenti, è aumentata in tutte le categorie d'età. Tale protezione appare inoltre perdurare nel tempo.

Il tasso è salito dal 7% del giugno scorso e dal 17% di novembre fino al 25% (il margine di errore è di tre punti percentuali) attuale, evidenziano i risultati preliminari ottenuti da Unisanté, il centro universitario di medicina generale e sanità pubblica a Losanna, e comunicati oggi. Ciò dovrebbe permettere di frenare la diffusione del Covid-19 ed evitare una terza ondata, pur se non è sufficiente per controllare la pandemia in modo duraturo.

Lo studio SérocoViD fa parte del programma nazionale di ricerca Corona Immunitas. È condotto dal maggio 2020 da Unisanté su campioni rappresentativi della popolazione vodese, estratti a sorte. L'ultima analisi ha coinvolto oltre 1000 persone dai 15 anni in su.

Misurando il tasso di anticorpi presenti nel sangue, questi lavori permettono di stimare la proporzione di cittadini che hanno sviluppato difese immunitarie contro il morbo. Ciò si verifica dopo essere stati contagiati oppure vaccinati. La ricerca punta anche a capire come il virus si trasmette fra la gente.

Quasi tutte le persone immuni lo sono perché si sono infettate, ha affermato a Keystone-ATS Valérie D'Acremont, infettivologa presso Unisanté e professoressa all'Università di Losanna. Solo una cinquantina di partecipanti aveva in effetti già ricevuto il vaccino e per certi di loro l'organismo non ha nemmeno avuto il tempo di produrre gli anticorpi.

Quello che è particolarmente interessante è che, secondo quanto attesta lo studio, gli anticorpi sembrano rimanere per lungo tempo nel corpo dopo il passaggio della malattia. "Il 98% li aveva ancora, a volte anche a distanza di undici mesi dal contagio. È impressionante vedere la loro persistenza", ha aggiunto D'Acremont. L'esperta ha sottolineato come le reinfezioni siano molto poche.

Il tasso di infezione naturale - senza contare dunque i vaccinati - degli adulti fra i 20 e i 40 anni (27%) ora è solo leggermente superiore a quello registrato tra gli adolescenti (25%), mentre gli over 65 sono al 18%. Stando alla nota, ciò è dovuto probabilmente ai maggiori contatti fra generazioni avvenuti durante la seconda ondata, in particolare nel corso delle festività di fine anno.

Per gli autori dello studio, tale parziale immunizzazione, unita al programma di vaccinazione, dovrebbe permettere di impedire una terza ondata. Non vi è però da illudersi: da sola non può bastare per mettere una volta per tutte la museruola al coronavirus. Somministrare dosi di vaccini in maniera estesa, in primis ai più fragili, rimane indispensabile per raggiungere questo obiettivo.

La percentuale di immuni può tra l'altro variare sensibilmente da una regione all'altra. Ad esempio, si ritiene che in Romandia, dove l'epidemia ha colpito più duramente, sia più alta che altrove in Svizzera. A titolo di paragone, già lo scorso dicembre Ginevra ha annunciato che oltre un quinto dei suoi abitanti (22%) è stato trovato con gli anticorpi del Covid-19 nel proprio organismo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
3 ore
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
6 ore
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
7 ore
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
9 ore
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
11 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
© Regiopress, All rights reserved