laRegione
08.02.21 - 12:15

La pandemia ha svuotato i treni anche in autunno

Le Ffs hanno registrato nell'ultima settimana del 2020 un'occupazione fra il 50 e il 60% dei convogli rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

la-pandemia-ha-svuotato-i-treni-anche-in-autunno
(Ti-Press)

La seconda ondata dell'epidemia di coronavirus ha colpito duro il traffico ferroviario passeggeri. Durante il periodo ottobre-dicembre, i viaggiatori hanno percorso complessivamente 3,06 miliardi di persone-chilometri, il che corrisponde a un calo del 44% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Pure nel quarto trimestre dunque, sottolinea in una nota odierna il Servizio di informazione per i trasporti pubblici (Litra), la domanda è nettamente diminuita a causa del Covid-19. Con l'autunno, il numero dei contagi è tornato ad aumentare, mantenendosi a un livello elevato anche nei mesi successivi.

Le misure introdotte da Cantoni e Confederazione, come lo stop alle manifestazioni, gli orari ridotti o la chiusura totale dei ristoranti e l'home office, hanno condotto a una sensibile riduzione della frequentazione dei mezzi pubblici, scrive la Litra.

Secondo le cifre delle FFS, nell'ultima settimana del 2020 l'occupazione dei convogli è stata del 60% rispetto agli stessi giorni dell'anno prima nel traffico regionale e del 50% in quello a lunga percorrenza.

Il virus non sembra invece aver fatto nemmeno il solletico al trasporto merci su rotaia. La domanda (ammontata a 2,97 miliardi di tonnellate-chilometro) è anzi cresciuta dell'1,3% su base annua, indica l'organizzazione.

La pandemia continuerà a influenzare il settore dei trasporti pubblici anche nel 2021. In particolare, l'obbligo relativo al telelavoro imposto dal Consiglio federale il 18 gennaio avrà importanti ripercussioni sugli spostamenti di chi abitualmente fa il pendolare. La Litra è sicura che nel primo trimestre la domanda sarà decisamente più bassa della media pluriennale, che si situa a circa 5 miliardi di persone-chilometri.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
33 min
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
50 min
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
1 ora
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati però deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
1 ora
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
4 ore
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
Svizzera
6 ore
In Svizzera c’è una grave carenza di personale specializzato
In difficoltà soprattutto i settori della sanità, dell’informatica e delle scienze ingegneristiche. A rilevarlo il relativo indice di Adecco
Svizzera
8 ore
A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023
Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
9 ore
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consiglieri federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
Svizzera
21 ore
Consiglio degli Stati, Brigitte Häberli-Koller eletta presidente
La turgoviese del Centro prende il posto di Thomas Hefti (Plr/Gl) che ha deciso di non presentarsi alle elezioni federali del prossimo ottobre
Svizzera
21 ore
Pirati della strada, pene severe ma eccezioni possibili
Dopo il Nazionale, marcia indietro anche agli Stati sull‘attenuazione delle pene. Si introducono però attenuanti per chi sgarra per la prima volta
© Regiopress, All rights reserved