laRegione
coronavirus-se-non-si-agisce-subito-sara-il-collasso
Martin Ackermann (Keystone)
Svizzera
23.10.20 - 14:010
Aggiornamento : 18:54

Coronavirus, 'Se non si agisce subito, sarà il collasso'

Secondo il capo della task force federale, a questo ritmo gli ospedali saranno pieni entro inizio novembre. Kuster: 'Messi peggio di tutti i paesi vicini'

L'appuntamento con la stampa è ormai uno di quelli fissi: ogni venerdì gli esperti della Confederazione incontrano i media per riferire sulla situazione epidemiologica nel paese. Appuntamento in programma a maggior ragione oggi, quando in Svizzera i contagi in 24 ore hanno subito un nuovo balzo, sondando la soglia dei 6'500.

«Settimana scorsa i nuovi casi erano 3'100 oggi siamo oltre i 6'600, il che vuol dire più che un raddoppio. Si tratta di un aumento significativo», ha precisato Stefan Kuster, capo della sezione Malattie trasmissibili dell'UFSP. «Ci sono cantoni più toccati di altri, ma l'aumento si vede ovunque. Ora dobbiamo rispettare le regole, evitare i contatti non necessari, tenere le mascherine, tenere le distanze e lavarci le mani». A incrementare sono anche i casi tra gli anziani, ovvero le fasce più a rischio. «Rispetto all'estero, siamo stati superati da tutti i paesi vicini. Abbiamo cifre peggiori di Francia e Spagna, cifre  più che doppie rispetto a quelle che si vedono in Italia e Austria e più di cinque volte di più di quelle della Germania. Dobbiamo ora rispettare le regole».

Pochi giorni a mezzanotte

«Venerdì scorso avevo previsto che entro una settimana saremmo arrivati a 6000 nuovi casi giornalieri, oggi siamo a 6'600 – ha fatto notare Martin Ackermann, capo della task force federale sul coronavirus –. In questa settimana ci siamo accorti che anche le ospedalizzazioni ogni settimana raddoppiano. Lo stesso vale per le persone che entrano in cure intense per i morti». La situazione è critica, ha aggiunto Ackermann: «Adesso ogni giorno conta. Dobbiamo fermare l'epidemia, altrimenti i posti negli ospedali saranno pieni tra fine ottobre e inizio novembre e il limite massimo della capacità del sistema sanitario sarà raggiunto tra il 5 e il 18 novembre. Non abbiamo più tempo per attendere». Se ora però «agiamo in maniera tempestiva possiamo farcela».

Per quanto riguarda le grandi manifestazioni, che ancora diversi cantoni permettono sotto rigide misure di protezione (compreso il Ticino), Ackermann ha aggiunto: «C'è sempre un grande rischio quando molte persone si ritrovano in un solo posto. Durante gli eventi ci sono i concetti di protezione, ma il problema può esserci prima e dopo. Siamo in una situazione dove ogni giorno conta per riuscire a non saturare il sistema sanitario, per cui bisogna evitare in tutti i contatti non necessari».

Tracciamento, popolazione aiuti

Il contact tracing, di cui sono responsabili i Cantoni, ha ormai raggiunto il massimo delle proprie capacità. Lo ha fatto notare Rudolf Hauri, presidente dell'organizzazione mantello dei medici cantonali, sostenendo che dovrebbero essere le persone positive al test a dover informare le persone con cui hanno avuto contatti, affinché quest'ultime possano almeno isolarsi e non mettere in pericolo gli altri.

A suo avviso, è giunto il momento di limitare ulteriormente i contatti, agendo a livello di manifestazioni, tempo libero e sport. Hauri ha giudicato importante anche ripensare l'organizzazione degli ospedali e l'introduzione di test sierologici.

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Vacanze di natale, 19% in meno di prenotazioni in Svizzera
Svizzera Turismo preannuncia una stagione invernale difficile, con un calo delle prenotazioni del 19% per il periodo natalizio e del 28% per febbraio
Zurigo
5 ore
Rapinatore incriminato per assassinio dopo 23 anni
Un cittadino italiano 77enne già in carcere per una brutale rapina a Thun, è stato incriminato nel canton Zurigo per l'assassinio di un'anziana donna nel 1997
Svizzera
6 ore
Tentata estorsione a Berset, inchiesta sul ruolo dell'Mpc
L'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico vuole chiarire se esso ha seguito le regole nel caso della denuncia del ministro dell'interno
Svizzera
8 ore
In Svizzera nel week-end 9'751 casi, 410 ricoveri, 213 morti
Sotto quota 10'000 i nuovi contagiati nelle ultime 72 ore. Il tasso di positività in calo di quasi due punti e mezzo, al 16,7%.
Svizzera
10 ore
Hiv, un terzo di infezioni in meno rispetto al 2019
Lo ha annunciato la radio svizzerotedesca SRF, che basandosi sulle cifre provvisorie dell'Ufficio federale della sanità pubblica, fa stato di "soli" 236 casi
Svizzera
10 ore
Oltre la metà della popolazione è sotto al reddito medio
L'Ufficio federale di statistica ha pubblicato i dati relativi al 2018 che parlano di una somma di un'economia domestica elvetica di 7069 franchi al mese
Svizzera
11 ore
Pandemia costerà tra 1,7 e 2,6 miliardi agli ospedali svizzeri
Accelererà inoltre cambiamenti strutturali già in atto. È quanto emerge da uno studio pubblicato dalla società di consulenza per la revisione e la gestione PwC
Svizzera
1 gior
A Ginevra pompieri e giardinieri aiutano pompe funebri
La responsabile del Dicastero della coesione sociale e della solidarietà indica che il Comune ha ingaggiato del personale e sta cercando di reclutarne ancora
Svizzera
1 gior
Berset vittima di un tentativo di estorsione
Il caso è stato reso pubblico durante il fine settimana dalla "Weltwoche" ed è stato confermato dal Ministero pubblico della Confederazione
Svizzera
1 gior
'Preoccupa la mortalità, ma stiamo andando nella buona direzione'
La direttrice dell'Ufsp Anne Lévy guarda con ottimismo all'evoluzione della pandemia, ma avverte: ‘ridurre ricoveri e morti. Altrimenti dovremo inasprire le misure’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile