laRegione
liti-fra-vicini-soprattutto-per-rumori-e-lavatrice
Ti-Press
Svizzera
30.07.20 - 19:210

Liti fra vicini soprattutto per rumori e lavatrice

Un sondaggio recensisce le principali fonti di conflitto. I bisticci sono più frequenti nella Svizzera romanda e in Ticino.

Berna – La metà delle controversie tra vicini in Svizzera riguarda i rumori molesti. Al secondo posto nella classifica vi sono i problemi legati alla lavanderia in comune. I più litigiosi sono i ticinesi e romandi.

Secondo un sondaggio pubblicato oggi dal portale Homegate.ch, i conflitti sorgono sia fra conviventi che con i vicini con una sostanziale differenza regionale: nella Svizzera tedesca sono più frequenti le discussioni all'interno del nucleo familiare e per questioni legate alla pulizia (38%), mentre nei cantoni latini (Ticino e Romandia) si litiga di più con i vicini.

Tolleranza al rumore in Ticino

Dall'inchiesta emerge che metà degli svizzeri ha già avuto problemi con i vicini a causa del rumore eccessivo. Questo è un motivo di conflitto soprattutto per i romandi (51%) e i germanofoni (49%), mentre i ticinesi (32%) sembrano essere più tolleranti.

La lavanderia in comune è un altro punto dolente: un quinto degli intervistati infatti ha già avuto screzi per questo motivo, soprattutto a causa di mancata pulizia dopo l'uso. Anche in questo caso sembra che i ticinesi siano più tolleranti (30%) rispetto ai confederati (54% sia romandi che svizzero tedeschi). La biancheria lasciata dai vicini, il mancato rispetto degli orari concordati per il bucato e gli eccessivi tempi di utilizzo della lavatrice possono pure dare adito a diverbi.

Sporcizia e animali domestici

Al terzo posto della classifica dei motivi di contesa c'è la sporcizia (15%), seguita a breve distanza dagli animali domestici (14%). Il disordine, le scale ostruite o i confini delle proprietà, i barbecue e le piante sono le altre ragioni citate dagli intervistati.

Un quinto degli svizzeri, proprietari e inquilini, si è già avvalso di una consulenza legale per questioni legate alla propria abitazione. I nuclei familiari con bambini e le famiglie con un reddito superiore a 10’000 franchi sono i gruppi più propensi a chiedere aiuto a un esperto. Per quanto riguarda le differenze regionali, al primo posto vengono gli svizzerotedeschi (24%), seguiti dai ticinesi (20%), mentre i romandi (16%) preferiscono parlarne con i familiari. "Le controversie davvero gravi sono rare", assicura comunque Homegate.

Per il sondaggio sono state interrogate online 1821 persone tra i 18 e i 74 anni nelle tre regioni linguistiche del Paese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Nuove dosi Moderna in Svizzera
Dopo un inizio in sordina, ora il ritmo delle vaccinazioni sta aumentando. Lunedì arriverà anche Pfizer
Svizzera
4 ore
Ginevra, manifestazione di solidarietà verso la Palestina
Trecento persone si sono riunite per esprimere il proprio sostegno al popolo palestinese. Anche a Basilea si è svolto un ritrovo
Svizzera
4 ore
Vallese, caduta fatale sul ghiacciaio del Grenz. Morto 31enne
A circa 3'600 metri di quota, un ponte di neve ha ceduto, facendo precipitare la vittima
Svizzera
6 ore
Manifestazione non autorizzata in Appenzello Esterno
Diverse centinaia di persone si sono riunite per protestare, in maniera pacifica, contro le misure anti-covid
Svizzera
7 ore
"Un comitato direttivo paritetico per misure anti-pandemia"
È ciò che auspicano i Cantoni, la cui proposta è quella di creare un organo di gestione che valuti la situazione e reagisca rapidamente a livello nazionale
Svizzera
8 ore
Neuchâtel, positivo al covid il 23% degli allievi di una scuola
Si tratta, in totale, di 37 scolari e cinque insegnanti. Tutte le classi sono state messe in quarantena
Svizzera
10 ore
Terrorismo, nuova legge: le ragioni del ‘sì’ e del ‘no’
Le vodesi Jacqueline de Quattro (Plr) e Virginie Cavalli (Verdi liberali) si confrontano in un faccia a faccia sulle norme sottoposte a referendum il 13 giugno
Svizzera
11 ore
Vanno addosso a un'auto con una moto rubata. Feriti due 15enni
Il fatto è avvenuto nel canton Turgovia. I giovani sono finiti entrambi in ospedale
Svizzera
12 ore
Valanga travolge e uccide due scialpinisti sul Piz Russein
Sono stati trascinati per un migliaio di metri in un terreno ripido e roccioso, venendo sepolti dalla coltre bianca
Svizzera
1 gior
Non sarà riattivata la piattaforma ‘lemievaccinazioni’
Era stata sospesa a fine marzo a causa di problemi legati alla protezione dei dati. ‘Funzionamento sicuro non più possibile’.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile