laRegione
FREESTYLE
17.01.22 - 18:16
Aggiornamento: 18:36

Dopo Deer Valley per Marco Tadè ci sono le Olimpiadi

Il ticinese è pronto a volare a Pechino, mentre Nicole Gasparini negli Stati Uniti non è riuscita a staccare il biglietto per i Giochi

dopo-deer-valley-per-marco-tade-ci-sono-le-olimpiadi

A Deer Valley (Stati Uniti) sono andate in scena il 13 e il 14 gennaio le ultime due prove di Coppa del Mondo di sci freestyle prima dei Giochi olimpici invernali di Pechino, i quali verranno inaugurati ufficialmente il 4 febbraio. Alle due gare sulla “Champion”, la pista regina del Moguls mondiale, hanno preso parte gli atleti ticinesi Marco Tadè e Nicole Gasparini. Mentre Tadè era già sicuro di partecipare alle Olimpiadi, per Gasparini le due gare sulla neve americana erano l’ultima chiamata per un volo diretto in Cina, l’ultima possibilità per realizzare il sogno a cinque cerchi. Entrambi non venivano da un periodo semplice in termini di risultati: una finale collezionata da Tadè nelle prime sette tappe di Coppa del Mondo, due top 30 in campo femminile per Gasparini. Purtroppo, nelle gobbe di Deer Valley la squadra elvetica, allenata da Giacomo Matiz e da Juan Domeniconi, non è riuscita a posizionarsi nella parte alta della classifica: Tadè ha concluso al 36° posto, mentre Gasparini si è dovuta accontentare di un 32° e un 31° rango. Nella seconda gara il classe 1995 non si è presentato al cancelletto di partenza a causa di un piede dolorante (nulla di grave) da ricondurre a una botta subita il giorno prima. A Deer Valley hanno trionfato il primo giorno la francese Perrine Laffont e il canadese Mikael Kingsbury, mentre nella seconda prova la nazionale nipponica ha siglato la doppietta con la vittoria di Anri Kawamura e di Ikuma Horishima.

Peccato per Gasparini, che non è riuscita a strappare il ticket per Pechino sebbene abbia lottato fino alla fine per la qualifica olimpica. Tadè sarà dunque l’unico rossocrociato presente alle Olimpiadi per il Moguls, con la gara maschile che si svolgerà su due giorni, il 3 febbraio (qualifica 1) e il 5 febbraio (qualifica 2 e finali).

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
7 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
9 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
9 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
10 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
11 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
12 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
13 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
13 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
15 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
16 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved