laRegione
Lucerna
1
Young Boys
1
2. tempo
(1-0)
Winterthur
1
Lugano
0
2. tempo
(1-0)
Thun
1
Xamax
0
2. tempo
(0-0)
Fiorentina
0
Bologna
0
1. tempo
(0-0)
Zurigo
1
Ambrì
1
overtime
(0-0 : 0-0 : 1-1 : 0-0)
Kloten
3
Berna
2
2. tempo
(1-0 : 2-2)
GCK Lions
0
Winterthur
1
1. tempo
(0-1)
Ticino Rockets
0
Langenthal
1
1. tempo
(0-1)
Visp
3
Olten
0
1. tempo
(3-0)
La Chaux de Fonds
2
Dra.gosier-ga
1
2. tempo
(1-0 : 1-1)
Turgovia
1
Sierre
0
1. tempo
(1-0)
27.11.22 - 14:45

Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’

Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali

Ats, a cura di Red.Web
bandiera-del-kosovo-nello-spogliatoio-serbo-fifa-ipocrita
Sport e politica

Il ministro degli Esteri serbo Ivica Dacic ha criticato, definendola "ipocrita", la decisione della Fifa di avviare un procedimento disciplinare contro la Federcalcio serba per il vessillo apparso nello spogliatoio della nazionale serba al Mondiale in Qatar, in occasione della recente partita con il Brasile, raffigurante la mappa del Kosovo, con sopra i simboli della bandiera serba e la scritta ‘Nessuna resa’.

"Immaginate che l’Ucraina dica ‘La Crimea è Ucraina, nessuna resa’. Qualcuno forse punirebbe e caccerebbe l’Ucraina?", ha detto Dacic in dichiarazioni oggi alla tv privata Prva. Si tratta solo di "ipocrisia", ha aggiunto, osservando come la Serbia non possa reagire nella sua veste di stato trattandosi (per la Fifa) di una organizzazione sportiva. Il Kosovo, ha detto ancora Dacic, non è riconosciuto dalle Nazioni Unite, mentre la Serbia è uno Stato internazionalmente riconosciuto, membro dell’Onu, con il Kosovo quale parte integrante del suo territorio.

‘Cosa c’è di offensivo?’

"Che cosa c’è in tutto ciò che non è in linea con il diritto internazionale, che cosa c’è di offensivo?", ha affermato il ministro degli Esteri, secondo il quale questa vicenda è "la dimostrazione di quanto non vi siano principi ma doppi standard". "Loro (la Fifa) non punirebbero mai l’Ucraina se Kiev dicesse ‘il Donbass è nostro e la Crimea è nostra. Nessuna resa’", ha detto Dacic.

La Serbia non riconosce l’indipendenza proclamata il 17 febbraio 2008 dal Kosovo, considerato ancora una sua provincia meridionale a maggioranza di popolazione di etnia albanese. Oltre a Russia e Cina – membri permanenti del consiglio di sicurezza Onu – l’indipendenza di Pristina non è riconosciuta da cinque dei 27 Paesi membri della Ue – Spagna, Romania, Grecia, Cipro e Slovacchia – cosa questa che crea problemi per incontri nei vari tornei di calcio internazionali dal momento che il Kosovo è stato ammesso ufficialmente a Fifa e Uefa nel 2016. Dei 193 Paesi membri dell’Onu, sono meno di 100 quelli che riconoscono il Kosovo indipendente, anche se su questi numeri non vi è concordanza fra Belgrado e Pristina. A riconoscerlo sono con, Usa e Italia, tutti gli altri principali Paesi occidentali.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CICLOCROSS
14 min
Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo
A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
1 ora
Bellinzona ancora senza identità
I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
Hockey
20 ore
Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten
Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
20 ore
Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis
In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
1 gior
A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule
Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
1 gior
‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo
I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
1 gior
Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’
I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
1 gior
Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1
Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
1 gior
Ambrì, una sconfitta che non ci voleva
La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
1 gior
Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti
Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
© Regiopress, All rights reserved