laRegione
Lucerna
1
Young Boys
1
fine
(1-0)
Winterthur
1
Lugano
0
fine
(1-0)
Thun
1
Xamax
0
fine
(0-0)
Fiorentina
1
Bologna
1
1. tempo
(1-1)
Zurigo
1
Ambrì
2
fine
(0-0 : 0-0 : 1-1 : 0-1)
Kloten
3
Berna
2
fine
(1-0 : 2-2 : 0-0)
GCK Lions
1
Winterthur
1
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 1-0)
Ticino Rockets
1
Langenthal
2
2. tempo
(0-1 : 1-1)
Visp
4
Olten
1
2. tempo
(3-0 : 1-1)
La Chaux de Fonds
4
Dra.gosier-ga
3
2. tempo
(1-0 : 3-3)
Turgovia
1
Sierre
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
QATAR 2022
26.11.22 - 22:27

Il genio di Messi tiene in vita l’Argentina

Al 69’ una rete da fuori area della Pulce stende il Messico (nel finale il raddoppio di Fernandez). Ma l’Albiceleste ancora non convince

il-genio-di-messi-tiene-in-vita-l-argentina

L’Argentina è ancora viva. Sempre ammalata, ma viva. Dopo la débâcle contro l’Arabiua Saudita e con le spalle al muro di una possibile precoce eliminazione, l’Albiceleste si è imposta 2-0 contro il Messico, con reti di Messi ed Enzo Fernandez. Un successo che le permette di salire a quota 3 in classifica, affiancare l’Arabia Saudita e giocarsi la qualificazione contro la Polonia.

L’Argentina è viva, ma ancora ammalata. La prestazione della Seleccion di Lionel Scaloni è stata brutta e soltanto il genio di Messi ha saputo togliere le castagne da un fuoco che iniziava a bruciare.La conclusione angolata del 64’, la quarta da fuori area (nella storia dei Mondiali solo un certo Roberto Rivelino ha fatto meglio, a quota 5, da quando nel 1966 si è iniziato a tenere queste statistiche) ha liberato mentalmente una formazione che per un’ora è parsa prigioniera delle sue paure. Imprecisa, senza ritmo, ferma in attacco senza nessuno che attaccasse la profondità, nel primo tempo l’Argentina ha comandato il gioco, ma senza creare il benché minimo pensiero al portiere messicano Ochoa. Moltissimi gli errori in impostazione (tra i peggiori De Paul che ha sprecato un numero inusuale di palloni), tanto che la prima conclusione verso la porta messicana è arrivata al 40’ con una girata di testa di Lautaro Martinez (la più tardiva per la Nazionale albiceleste dal 1966).

La compagine nordamericana non è che abbia fatto molto. Si è posizionata in copertura e con grande aggressività ha cercato di mettere i bastoni tra le ruote (riuscendoci) alla costruzione della manovra avversaria. Dibu Martinez, in pratica, è stato impegnato una sola volta, su un calcio di punizione sul quale si è esibito in un intervento plastico. A fare la differenza, anche la panchina argentina. Scaloni, infatti, ha potuto inserire cammin facendo Alvarez (molto più vivace rispetto a Lautaro), ma soprattutto Palacios e Enzo Fernandez che a tre minuti dal 90’ ha raccolto un servizio di Messi e da dentro l’area ha lasciato partire una conclusione a giro con la quale ha sancito una vittoria fondamentale, ma non ancora risolutiva. Contro la Polonia, infatti, per avere la certezza degli ottavi di finale, occorre una vittoria. E anche il Messico può ancora sperare, vincendo contro l’Arabia Saudita, di superare gli stessi sauditi e pure gli argentini, in caso di vittoria polacca.

Argentina - Messico (0-0) 2-0

Reti: 64’ Messi 1-0. 87’ Fernandez 2-0.

Argentina: Emiliano Martinez; Montiel (63’ Molina), Lisandro Martinez, Otamendi, Acuna; De Paul, Rodriguez (57’ Fernandez), McAllister (69’ Palacios); Messi, Lautaro Martinez (63’ Julian Alvarez), Di Maria (69’ Romero).

Messico: Ochoa; Araujo, Montes, Moreno, Gallardo; Guardado (42’ Gutierrez), Chavez, Herrera, Kevin Alvarez (66’ Jimenez); Lozano (73’ Alvarado), Vega (66’ Antuna).

Arbitro: Orsato (Italia)

Note: 88’966 spettatori. Ammoniti: 22’ Araujo. 43’ Montiel. 50’ Gutierrez. 66’ Herrera. 89’ Alvarado.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
14 min
A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi
I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
49 min
Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo
A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
1 ora
Bellinzona ancora senza identità
I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
Hockey
20 ore
Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten
Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
21 ore
Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis
In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
1 gior
A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule
Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
1 gior
‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo
I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
1 gior
Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’
I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
1 gior
Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1
Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
1 gior
Ambrì, una sconfitta che non ci voleva
La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
© Regiopress, All rights reserved