laRegione
Corea del Sud
2
Ghana
3
2. tempo
(0-2)
24.11.22 - 09:14
Aggiornamento: 15:22

Niente fascia One Love in campo? Allora la mettiamo sugli spalti

Dopo la tedesca Nancy Faeser, anche la ministra degli Esteri belga Hadja Lahbib ha deciso di presentarsi in tribuna con la fascia per i diritti Lgbt

Ats, a cura di Red.Web
niente-fascia-one-love-in-campo-allora-la-mettiamo-sugli-spalti
Twitter
‘Un sorriso (con fascia) vi seppellirà’

La ministra degli Esteri belga Hadja Lahbib ha indossato ieri sera sugli spalti la fascia "One Love", che era stata rifiutata al Belgio e ad altre Nazionali europee, durante la partita vinta dai "Diavoli rossi" contro il Canada ai Mondiali in Qatar. Hadja Lahbib era presente sulla tribuna dello stadio Al-Rayyan accanto, fra gli altri, al presidente della Fifa, Gianni Infantino.

"Mi ha spiegato perché aveva scelto di non permettere al Belgio di indossare la fascia ‘One Love’, secondo le regole della Fifa. Queste regole non valgono sugli spalti, mi sono tolta la giacca e ho presentato la fascia", ha spiegato al microfono della Rtbf.

Sotto la minaccia di "sanzioni sportive" da parte della Fifa, il Belgio e altre sei nazioni europee presenti in Qatar – Germania, Inghilterra, Danimarca, Olanda, Galles e Svizzera – hanno rinunciato a far indossare ai rispettivi capitani la fascia colorata, simbolo di inclusione e diversità. "Penso sia stato un gesto simbolicamente forte, che il Belgio ha voluto trasmettere", ha aggiunto la ministra. "So che Eden Hazard (capitano dei belgi, ndr) avrebbe voluto indossarla in campo", ha proseguito Hadja Lahbib, aggiungendo di essere arrivata in Qatar all’inizio del torneo per avere "schietti colloqui" con la diplomazia del Qatar a "difesa dei diritti umani".

Un’altra ministra, la tedesca Nancy Faeser, responsabile dell’Interno con delega allo sport, è apparsa ieri in tribuna con questa fascia durante la partita della Germania contro il Giappone, al Khalifa International Stadium di Doha. In campo, al momento della tradizionale foto di squadra pre-partita, i calciatori tedeschi si sono messi le mani davanti alla bocca per protestare contro la decisione della Fifa di vietare le fasce.

Ma la scelta di fermare la fascia arcobaleno con la minaccia di giallo (o anche di più) ha provocato reazioni anche nelle altre Nazionali europee. Il capitano della Svizzera Granit Xhaka annuncia che la Nati, che oggi debutterà al Mondiale contro il Camerun, "non imiterà la Germania: noi non vogliamo educare nessuno". Un dirigente dell’Associazione svizzera di calcio aveva in precedenza assicurato che Xhaka "avrebbe voluto" mettere la fascia "One Love", ma indosserà invece quella fornita dalla Fifa con un messaggio antirazzista, "un messaggio positivo che è un segnale dei nostri valori". Dal Belgio arriva dal canto suo la voce del difensore Jan Vertonghen: "Noi giocatori ci sentiamo controllati: ho persino paura a esprimermi sui diritti umani".

E intanto tuona anche la federazione danese, che ha dovuto rinunciare oltre alla fascia One Love a una maglia di allenamento su cui lo sponsor aveva disegnato un messaggio pro-diritti: "Valutiamo azioni legali, con gli altri Paesi scandinavi, e sicuramente non rivoteremo Infantino", dice il suo presidente, Jesper Moeller. Per ora, a fare rumore è quel bavaglio sulla bocca mostrato oggi dai tedeschi a tutto il mondo.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
5 sec
Yakin ha deciso, Shaqiri partirà dalla panchina
Al posto del fantasista di Chicago, alle prese con un problema alla coscia, il giovane Fabian Rieder. Akanji ed Elvedi regolarmente in campo
Calcio
2 ore
Amichevole a Menaggio per il Bellinzona
Incontro fissato per mercoledì 30 novembre alle ore 19
Qatar 2022
2 ore
Folle pareggio fra Camerun e Serbia
Il 3-3 finale tiene lontani entrambi dalla Svizzera nella classifica del gruppo G
Calcio
5 ore
Heiko Vogel direttore sportivo del Basilea
Ritorno sulle rive del Reno per il 47enne ex allenatore
Qatar 2022
17 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
19 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
20 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
20 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
21 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
22 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
© Regiopress, All rights reserved