laRegione
17.05.22 - 13:00
Aggiornamento: 15:42

Huras e il Ticino: ‘Mi mancano il cibo e il Merlot’

L’ex allenatore di Ambrì e Lugano è ai Mondiali in qualità di assistente allenatore di Greg Ireland sulla panchina dell’Italia

huras-e-il-ticino-mi-mancano-il-cibo-e-il-merlot

Oggi in serata la Svizzera affronta nel suo terzo impegno iridato il Kazakistan, con l’obiettivo di rimanere a punteggio pieno. A tifare per la selezione di Patrick Fischer sarà anche l’Italia (dal canto suo impegnata nel pomeriggio contro la Danimarca), che contro i kazaki si giocherà verosimilmente la salvezza. Siamo però certi che Larry Huras, vice di Greg Ireland sulla panchina azzurra, avrebbe in qualsiasi caso tifato per la nazione che lo ha ospitato per molti anni sulle panchine di Ambrì Piotta, Lugano, Zurigo, Berna e Friborgo.

Anche a 66 anni l’hockey resta la droga di Larry Huras. «È parte integrante della mia vita, tornare qui in qualità di assistente allenatore sulla panchina dell’Italia è bellissimo. Fare un’esperienza in una squadra nazionale è sempre stato uno dei miei desideri, il fatto che ciò si sia avverato alla mia età e dopo 4-5 anni senza allenare, rende il tutto ancora più speciale», afferma il tecnico canadese. Ma come è nata questa collaborazione? «Conosco Greg Ireland da tanti anni, in estate abita solamente a 10 chilometri di distanza da casa mia, l’anno scorso mi ha chiamato, voleva parlare di hockey, è venuto a trovarmi, abbiamo bevuto una birra e poi mi ha proposto di aiutarlo in questo progetto. In inverno sono impegnato professionalmente e non ho molto tempo, ma quando lavori con una nazionale il tempo che devi investire non è tantissimo. Abbiamo effettuato un piccolo camp di allenamento a novembre in Ungheria e ora sono impegnato 5 o 6 settimane ed è magnifico poter respirare l’hockey dal vivo all’interno di una pista. Non è però evidente fare l’assistente, è un ruolo che non ho praticamente mai ricoperto e quindi c’è tanto da imparare».

L’altra attività: ‘Faccio consulenze per allenatori’

Da qualche anno Huras lavora in proprio. «Non ho lasciato ovviamente il mondo dell’hockey, mi occupo di consulenze per allenatori e tutto quanto ruota attorno a questa orbita – la homepage della nostra ditta è https://hockeycoachvision.com – mi piace parecchio come attività, ma lascio aperta qualsiasi porta. Se un club dovesse propormi un progetto serio per vincere qualcosa, perché non accettare? Comunque in ogni caso io sono contento della mia vita. Tornare in Europa? Francamente non lo so, mio figlio Brett è appena diventato papà di una bambina, quindi sono diventato nonno. Per me non è un problema, tornerei subito nel vecchio continente, ma mia moglie è molto legata alla nipotina, quindi la vedo dura convincerla. Anche i miei altri due figli, Stephanie e Ryan, abitano a Salt Lake City nello Utah, come me in inverno, mentre l’estate la trascorro in Canada», continua Larry, il cui legame con il Ticino è ancora molto forte. «Ho grandissimi ricordi, ho passato momenti indimenticabili e tengo a ringraziare tutti quanti per il sostegno e l’affetto dimostratomi sempre. Dopo il campo di allenamento in novembre ho trascorso due giorni nel vostro cantone. Mi mancano molto la cucina ticinese e il Merlot. Sono stato dapprima a Lugano e poi sono andato a visitare la nuova pista di Ambrì. Paolo Duca mi ha fatto da guida e ho potuto parlare anche con Luca Cereda. È sempre bello ritrovare ex giocatori allenati e sono orgoglioso di vederli oggi nei loro rispettivi compiti». I due avevano iniziato la carriera proprio sotto la guida di Huras in sostanza. «Non so se ci sia un po’ di Larry in loro due, sarebbe da chiedere a loro. Ho uno splendido ricordo di quei tempi, Cereda centro, Manuele Celio e Petrov alle ali, era la linea perfetta. Luca ha potuto approfittare tanto della loro esperienza e classe. Anche Paolo l’ho sempre apprezzato, era un giovane bravissimo, difatti poi lo presi con me a Zurigo».

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
LucHC Lions
1892
2
Faerjestad TS
1866
3
Drinkteam
1860
4
EHL Wolves
1838
5
KISS of DEATH
1801
6
HC KWAY
1787
7
AmStars
1786
8
Bidus
1786
9
H C LUPPOLO
1781
10
Rapid Mutzel 2
1780
TOP NEWS Sport
CORSA D'ORIENTAMENTO
8 min
Il Ticino cerca la conferma nel Trofeo Arge Alp
Sabato e domenica in alta val Carvina gareggeranno ben 600 atleti. La selezione rossoblù dovrà difendersi da Baviera, San Gallo, Trentino e Grigioni
Hockey
13 ore
In Champions vincono Zugo, Rapperswil e Friborgo
Serata da incorniciare per le squadre svizzere sul palcoscenico d’Europa: Zugo e Friborgo agli ottavi da primi della classe, sangallesi fuori con onore
Calcio
13 ore
Con due gol di Rabiot la Juventus stende il Maccabi
Nel mercoledì di Champions League nulla da fare invece per il Milan, sconfitto 3-0 dal Chelsea allo Stamford Bridge di Londra
Formula 1
15 ore
La Fia rinvia il verdetto sul budget cap. Verso sanzioni lievi?
Da Parigi nessuna novità: la conclusione dell’analisi il 10 ottobre. Intanto, però, Sky lancia l’indiscrezione: il tetto sarebbe stato sforato, ma di poco
Calcio
16 ore
Seoane silurato, arriva Xabi Alonso
Il Bayer Leverkusen licenzia il tecnico elvetico, sostituito dall’ex centrocampista spagnolo
Calcio
17 ore
Europa, lo Zurigo cerca punti per il morale
Il Basilea vuole invece ipotecare il passaggio del turno
ginnastica artistica
19 ore
‘Vogliamo offrire una serata di grande ginnastica’
Il nuovo presidente del comitato organizzatore Alberto Mogliazzi, si sta preparando per il 39esimo Memorial Gander, in programma a Chiasso il 23 novembre
CALCIO
1 gior
Quel gol divorato al Maracanà, pesante come un macigno
Higuain sarà per sempre ricordato soprattutto per l’errore nella finale mondiale del 2014 fra Argentina e Germania
Tennis
1 gior
Astana, Hüsler fuori al primo turno
Lo zurighese nettamente battuto dal numero 53 Ruusuvuori
Calcio
1 gior
‘Il sindacato calciatori ci ha messo in difficoltà’
Il capitano del Chiasso esclude il boicottaggio delle partite
© Regiopress, All rights reserved