laRegione
25.09.21 - 22:14
Aggiornamento: 26.09.21 - 16:32

A Lugano si chiude tra gli applausi, con i tre punti

Dopo la sconfitta all’Hallenstadion i bianconeri tornano a sorridere davanti al loro pubblico, segnando al Berna un gol per tempo

a-lugano-si-chiude-tra-gli-applausi-con-i-tre-punti
Mikkel Boedker, invano, cerca di sorprendere Manzato (Ti-Press/D.Agosta)

Di sabato riecco i tre punti. Per un Lugano che per l’occasione – oltre che degli infortunati Carr e Josephs, Haussener e Loeffel – anche di Ewan Tschumi, squalificato una giornata (almeno) per un colpo col bastone al collo di Marc Aeschlimann nei secondi finali della sfida della sera prima all’Hallenstadion. Così, e per la prima volta in campionato, nel warmup si vede in pista anche il giovane Gianluca Cortiana, attaccante classe 2002 in arrivo dalla formazione degli élite, in una serata in cui in pista ci sono anche Loïc Vedova e il ventiquattrenne giurassiano Nelson Chiquet, in arrivo dai Ticino Rockets. A proposito di giovani: per l’occasione Chris McSorley decide di titolarizzare tra i pali Thibault Fatton, esattamente come a Ginevra, lasciando in panchina Niklas Schlegel.

Nel primo tempo il Lugano prova subito ad aggredire gli Orsi: dopo 5 minuti il bilancio dei tiri in porta è di 6-1 per i ticinesi, che diventano 8-3 a metà periodo. Il Berna prova a reagire, ma non ne ha il tempo: al 13‘41’’ i bianconeri vanno in vantaggio, grazie a un gran gol del solito Fazzini, che controlla un puck aereo, si gira e fa secco l’impotente Manzato con un tiro incrociato nel ‘sette’. Nonostante Lundskog e i suoi giocatori manifestano agli arbitri tutto il loro disappunto, argomentando che prima di mettere il puck a terra il topscorer del Lugano indugi un po’ troppo col disco in mano. Quel che è sicuro è che quel vantaggio è meritato, per un Lugano che avrebbe indubbiamente le opportunità per raddoppiare, ma i bianconeri mancano di concretezza davanti a un Manzato che, a dire il vero, non sembra essere nella più brillante delle sue serate.

Invece, basta una penalità in avvio di tempo centrale, inflitta a Nodari per un bastone nei pattini di Thiry, per permettere al Berna di pareggiare: il gol lo firma Jeremi Gerber al 22‘41’’. Tuttavia al Lugano basta qualche minuto per riprendere quota, dopo che Elia Riva scaglia un disco sulla gabbia che Manzato può solo respingere, spalancando così la porta al 2-0 di Alessio Bertaggia, al 26’16’’. La partita è vibrante e combattuta, e le occasioni da rete ci sono tanto da una parte, tanto dall’altra. E c’è spazio anche per un intermezzo pugilistico fra Mirco Müller e il bernese Thiry, che costa pure 10’ disciplinare al solido difensore bianconero, ma soprattutto per un’indovinata deviazione di Herburger che, però, si stampa sulla traversa.

E i pali della porta del Berna tremano anche nell’ultimo periodo, quando – al 49’37’’ – una sventola di Walker s’infrange sul montante alla sinistra di Manzato. In un terzo tempo intenso, in cui l’esito della partita continua a rimanere aperto a ogni soluzione. Gli ospiti provano naturalmente a premere, ma il Lugano dà prova di solidità, e riesce a leggere benissimo le azioni avversarie. Fino a 2’44’’ dal termine, quando Daugavins riesce ad andar via, e Riva lo deve fermare con una bastonata. Il Berna chiama subito il timeout, ma Lundskog toglie il portiere solo a 1’50’’ dalla fine. E di quella situazione a 6 contro 4 approfitta invece il Lugano, con Walker che approfitta di un clamoroso scivolone di Kast per andare a segnare il punto del 3-1 nella porta sguarnita.

Lugano - Berna (1-0 1-1 1-0) 3-1
Reti: 13’41’’ Fazzini (Arcobello) 1-0. 22’41’’ Jeremi Gerber (Moser, Scherwey/esp. Nodari) 1-1. 26’16’’ Bertaggia (Riva, Stoffel) 2-1. 58’30’’ Walker (esp. Riva!, Berna senza portiere) 3-1.
Lugano: Fatton; Nodari, Müller; Alatalo, Riva; Guerra, Chiesa; Wolf; Fazzini, Arcobello, Walker; Morini, Herburger, Boedker; Stoffel, Thürkauf, Bertaggia; Traber, Cortiana, Vedova; Chiquet.
Berna: Manzato; Untersander, Henauer; Andersson, Beat Gerber; Thiry, Colin Gerber; Pinana; Kast, Kahun, Moser; Conacher, Jeffrey, Scherwey; Fahrni, Daugavins, Jeremi Gerber; Sciaroni, Neuenschwander, Bader; Alain Berger.
Arbitri: Wiegand, Hungerbühler; Progin, Duarte.
Note: 5’206 spettatori. Penalità: 6 x 2’ + 1 x 10’ (Müller) contro il Lugano; 3 x 2’ contro il Berna. Tiri: 34-26 (16-9, 14-10, 4-7). Lugano privo di Carr, Josephs, Loeffel, Haussener (tutti infortunati) e Tschumi (squalificato); Berna senza Blum, Praplan e Rüfenacht (infortunati). Pali: 38’25’’ Herburger (traversa), 49’37’’ Walker. Al 38’53’’ timeout chiesto dal Lugano. Al 57’16’’ timeout del Berna, che gioca senza portiere dal 58’10’’ al 58’30’’ e dal 58’50’’ fino al termine. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Thibault Fatton e Daniel Manzato.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
6159
2
HC Kaski Male
6125
3
HC Aspi Capitals
6042
4
GregBeaud
5919
5
Team Belozoglu
5907
6
LucHC Lions
5872
7
Chop
5871
8
SV Rokaner
5832
9
ASIA TEAM
5806
10
TrigoAce1
5793
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
4 ore
Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’
Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva
gallery
Qatar 2022
6 ore
Che umiliazione
La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
8 ore
I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa
Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
Angolo Bocce
12 ore
Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria
La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
Hockey
12 ore
Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler
Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
13 ore
Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria
Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
13 ore
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CALCIO
15 ore
Fissata la prima amichevole, sabato il Lugano ospita il Monza
La compagine di Serie A a Cornaredo dalle 14. Oggi l’inizio della prevendita (agibili solo tribuna principale e spalti)
Qatar 2022
1 gior
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
1 gior
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
© Regiopress, All rights reserved