laRegione
Hockey
13.02.20 - 22:310
Aggiornamento : 23:25

Ambrì, c'è l'amarezza ma pure un punticino

Ridotti ai minimi termini, in una partita in cui perdono per strada anche Dal Pian e Manzato, nei Grigioni gli uomini di Cereda si arrendono soltanto ai rigori

È un epilogo amaro, perché perdere ai rigori lascia sempre l'amaro in bocca. Ma, viste le premesse, quello di Davos è senz'altro un punto guadagnato per l'Ambrì. In una serata in cui, infatti, i ticinesi sono ridotti ai minimi termini – tanto che nel lineup trova posto anche il diciannovenne Robin Schwab, attaccante arrivato dall'Academy di Zugo che nell'occasione festeggia il suo debutto in Lega nazionale A –, siccome rispetto al derby dell'altra sera mancano pure l'acciaccato Fora e gli influenzati Novotny e Zwerger.
Eppure, nonostante tutto, la squadra di Cereda riesce a reggere all'urto. E, anzi, dopo aver chiuso in svantaggio i primi 20', per effetto del gol di Palushaj all'8'02'', dimenticato nel bel mezzo dello slot biancoblù, nella seconda frazione di gara Bianchi e compagni girano la frittata. Con lo stesso capitano che – dopo il pareggio di Müller, al termine di un'azione insistita al 28'06'', in situazione di 4 contro 4 – porta per la prima volta in vantaggio i suoi al 37'00'', in powerplay, sfruttando un delizioso appoggio dello stesso Müller.

Poi, in un terzo tempo che per i ticinesi inizia subito in malo modo – infatti, vittima di uno scontro fortuito, al 41' Manzato deve cedere il suo posto tra i pali a Conz –, il Davos comincia a mettere più pressione, anche se l'Ambrì ha un'occasione clamorosa con il solito, scatenato Müller, che colpisce il palo a botta sicura, al 44'. Al 55'15'', però, un disco in verticale di Nygren lancia Palushaj, il quale entra nel terzo in velocità e non lascia scampo a Conz. E così le due squadre vanno al prolungamento, dove un bastone alto di D'Agostini costringe quasi subito i biancoblù a giocare in inferiorità numerica. E dove l'occasione più ghiotta capita a Nygren, che però trova solo la traversa. Alla fine a decidere tutto sono quindi i rigori, dove in una serie interminabile decide lo svedese Tedenby.

TOP NEWS Sport
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile