laRegione
formula 1
28.10.22 - 15:54
Aggiornamento: 16:27

Si va in Messico, dove il pubblico scalda

In una gara che non ha più nulla da dire dal punto di vista sportivo, i tifosi di casa sperano nel successo del loro idolo ‘Checo’ Perez

di Paolo Spalluto
si-va-in-messico-dove-il-pubblico-scalda
Keystone
Il pilota della Red Bull sarà favorito dalle strategie della scuderia?

Lo dicono sempre a chiare lettere: l’idea di vedere vincere il loro idolo "Checo" Perez li stuzzica da molto, il sogno di vederlo staccare primo in quel catino infernale del circuito in cui le ali del pubblico abbracciano i piloti resta la speranza di ogni messicano. Con la qualità messa in campo dalla Red Bull in questa annata il risultato ci potrebbe anche stare, con qualche comprensibile gioco di squadra visti i titoli oramai saldamente incamerati.

Oramai ogni team non è più interessato alla competizione, ma ha girato pagina verso l’incerta stagione 2023 che porterà nuovi cambi di regolamento a ogni livello e un ulteriore inasprimento delle condizioni generali. Resterà, a titolo di esempio, il tema d’impedire agli pneumatici di essere eccessivamente scaldati con le termocoperte – di cui si valuta addirittura un divieto totale – ovviamente consci del rischio e della sicurezza che ciò comporta. In pratica una delle riflessioni portate dalla Fia è di rendere il pilota maggiormente responsabile della conduzione della propria monoposto con meno supporto di problem-solving, come ad esempio appunto poter entrare sul tracciato con le coperture già pronte.

Che la Fia sia in difficoltà lo conferma senza dubbio alcuno il reintegro del settimo posto di Alonso, che gli era stato tolto per una questione di specchietto penzolante e dunque elemento pericoloso non gestito da team e pilota. Peccato che poi, ascoltata la completa trascrizione degli audio tra direzione pista e i commissari, ci si sia resi conto che si sia trattato di un errore comunicativo e di cattiva descrizione dei fatti. Gaffe corretta, ma il tema della gestione delle corse, che sono sempre certo più complesse, resta sul tavolo, ma il personale impiegato non sembra davvero all’altezza.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
MOUNTAIN BIKE
6 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
7 ore
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
8 ore
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
10 ore
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
11 ore
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
15 ore
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
16 ore
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
1 gior
Discriminazione nello sport, Berna scende in campo
Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
Sci
1 gior
Prosegue il dominio di Mikaela Shiffrin
La statunitense fa suo anche il secondo Gigante di Plan de Corones, solo Mowinckel sta sotto al secondo di ritardo. Gut-Behrami quinta in crescendo
© Regiopress, All rights reserved