laRegione
18.04.21 - 20:03
Aggiornamento: 21:44

Imola è Verstappen, pioggia e spettacolo

L'olandese vince e convince, Hamilton conquista il secondo posto con un po' di fortuna. Bene le Sauber, entrambe a punti

di Paolo Spalluto
imola-e-verstappen-pioggia-e-spettacolo
+1

Verstappen vince e convince, Hamilton salvato da un colpo di... qualcosa che su un quotidiano non si può dire. Imola è tutto qui, in una prestazione di assoluta eccellenza dell’olandese, primo dall’inizio alla fine e che risulta secondo nel Mondiale solo perché il britannico negli ultimi giri ha racimolato il punto del giro veloce.

Lewis Hamilton è stato davvero graziato dalla dea bendata: al 31esimo giro commette un errore banale, non da lui, ma per tutta la gara era nervoso. Aveva subìto una staccata straordinaria da parte dell’olandese subito allo start che lo aveva messo fuori tracciato rompendo anche una paratia dell’anteriore sinistro. Per il team Mercedes-Benz è chiaro che in questo Mondiale, pur restando il team da battere sempre, i distacchi si sono accorciati.

Lotta appassionante

La lotta per il titolo sarà certamente una questione tra i due citati. Alla luce del carattere dell’olandese – ma anche in virtù della maturazione che lo ha fatto crescere molto – il campionato potrà essere divertente. Inoltre nelle posizioni che seguono McLaren con Norris, Perez, e le due Ferrari potranno rendere le gare combattute.

È chiaro che la pioggia ha aiutato molto lo spettacolo con uscite di pista, Safety car, interruzioni di gara e ribaltoni. A questo ha anche contribuito un circuito come Imola che per la sua conformazione, il poco spazio laterale, il susseguirsi di curve, rende la corsa sempre fascinosa. E poi quel nome, autodromo Enzo e Dino Ferrari, rende il tutto vicino al mito.

Il 34esimo giro è stato determinante nell’economia della gara perché Bottas e Russell collidono per un errore del secondo. Infatti con la parte destra della sua Williams, il britannico finisce su cordolo, umido ed erba, gira verso sinistra colpendo Bottas. Colpo tremendo a 300 km/h, illesi, ma Russell non trova di meglio che aggredire con un colpo sul casco il totalmente incolpevole finlandese, speriamo solo perché sotto shock adrenalico: gesto molto poco sportivo. La Ferrari è il team che nonostante tutto è cresciuto più di tutti, nel senso che dall’arrancare della scorsa stagione è passata a giocarsi stabilmente i primi posti. Non può certo ambire al gradino più alto del podio, ma senza la Safety, Leclerc sarebbe stato terzo agevolmente. A fine corsa il monegasco ha lamentato quello che resta il tallone d’Achille ancora, la velocità pura, mentre la parte telaio è indubbiamente evoluta.

Norris, che bella gara

Bellissima gara quella di Norris, velocissimo in rettilineo per tutto il weekend. Era tecnicamente visibile la fatica che Leclerc dietro a lui faceva per entrare nello specchio del Drs: per tutto il giro sotto il secondo, ma nel punto di rilevamento proprio dopo un’apertura di gas in uscita da piega a destra, regolarmente venivano persi tre decimi. Il ragazzo cresce, la monoposto arancione pure: telaio ottimo, propulsore pure, Ricciardo si sta abituando e cresce pure lui.

Quanto alle Sauber, Giovinazzi ha avuto un blocco alla pinza freni ed è stato costretto a rientrare ai box. In questo caso, giova rammentarlo, c’è l’obbligo del team di richiamare il pilota perché il sensore è visibile e non farlo sarebbe una grave infrazione di regolamento. Raikkonen è stato colpito a fine gara da una penalizzazione di 30 secondi che lo ha relegato in 13esima posizione. La squadra sembra in questo momento con un pacchetto meglio sviluppato del 2020 e soprattutto con spazi costanti di miglioramento, cosa molto apprezzata anche dai piloti.

Tra due settimane il Portogallo con Portimao (Montreal sarà annullata a causa del Covid che in breve tempo ha reso il Canada Paese da lista nera dopo mesi di tranquillità). Un apprezzamento va riconosciuto sempre a Liberty Media che in ogni modo tiene in piedi questo Mondiale, che si attende abbia nella seconda metà l’arrivo almeno parziale degli spettatori, finalmente. Intanto nel 2022 arriva Miami, andiamo tutti al mare.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
MOUNTAIN BIKE
7 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
8 ore
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
8 ore
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
10 ore
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
12 ore
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
15 ore
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
16 ore
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
1 gior
Discriminazione nello sport, Berna scende in campo
Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
Sci
1 gior
Prosegue il dominio di Mikaela Shiffrin
La statunitense fa suo anche il secondo Gigante di Plan de Corones, solo Mowinckel sta sotto al secondo di ritardo. Gut-Behrami quinta in crescendo
© Regiopress, All rights reserved