laRegione
KRAWIETZ K./MIES A.
2
KUBOT L./WAWRINKA S.
1
fine
(4-6 : 6-1 : 10-5)
orgoglio-cuore-e-qualita-fanno-la-differenza
+1
L'analisi
29.06.21 - 18:09

Orgoglio, cuore e qualità fanno la differenza

Il tifoso, l’appassionato, non chiede altro, per affezionarsi e identificarsi: gli basta che la sua Nazionale sia sempre quella di Bucarest

«Fin troppe emozioni», ha osservato Petkovic ricordando la serata di Bucarest, pur con la gioia nel cuore. «Troppi su e giù, per fortuna abbiamo finito su». Non sempre si sta comodi, sulla giostra, ma volete mettere? In cuor suo Vlado ha goduto, lui come noi tutti. Il risultato finale lo ripaga con gli interessi per i patemi attraverso i quali è dovuto passare.

Il tifoso, o più semplicemente l’appassionato di calcio, si alimenta di sbalzi di quel genere. Poi, è capace anche di perdonare una sconfitta, di dimenticare un rigore sbagliato. Tuttavia, quella comprensione - chiamiamola così - va conquistata, in quanto non scontata. La Nazionale è un’espressione sportiva “superiore” che prescinde dalle fedi calcistiche di turno. Le riunisce sotto un telone rossocrociato che tutto e tutti avviluppa. Non può sottrarsi a quel compito di inclusione, per quanto momentanea, che le viene dato proprio dalla natura di squadra di un paese intero. Alla Nazionale si chiede che si faccia ambasciatrice di una passione che accomuna chi ama il calcio e ogni due anni riversa nei suoi beniamini un po’ di sano senso d’appartenenza e di orgoglio che pretende - a giusta ragione - di vedere specchiato nei calciatori, nonché tradotto in campo, onorando la casacca rossocrociato che indossano.

Pensiamo alla Danimarca del 1992 e a quella attuale, all’Islanda degli “uhh” un po’ gutturali del “geyser sound” scanditi con il pubblico sugli spalti. Storie di amori latenti sempre pronti a riaffiorare, in grado di raggiungere picchi altissimi, se vergate con prestazioni che lasciano il segno, che si smarcano dalla normalità che poco o nulla incide sulle emozioni, in direzione di una straordinarietà che, quella sì, colpisce dritta al cuore, innescando un moto di passione e di orgoglio. 

La Svizzera di Petkovic ha avvicinato e allontanato, si è fatta amare e criticare, ha illuso e disatteso. Qualche volta ha incantato (si pensi al 5-2 al Belgio), altre invece ha deluso, tradito. Altre ancora, è andata incontro a figure indegne, come contro l’Italia a Roma. Più volte è andata a un passo dalla consacrazione, salvo poi essere respinta sull’uscio della gloria, per mancanza di argomenti o, peggio, delle qualità morali necessarie. Contro la Francia ha finalmente deliziato, trasmettendo e ottenendo amore.

In fondo, non si chiede la luna. Bastano atteggiamento, cuore, orgoglio, spirito. Il tifoso, l’appassionato, non chiede altro, per affezionarsi e identificarsi: gli basta che la sua Nazionale sia sempre quella di Bucarest. A prescindere dal risultato. Non è chiedere troppo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bucarest euro2020 nazionale svizzera vladimir petkovic
Potrebbe interessarti anche
EURO 2020
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
ATLETICA
12 ore
Aggressioni sessuali, coach britannico radiato
Toni Minichiello squalificato a vita dalla Federazione britannica di atletica
Tennis
14 ore
Serena Williams sulla via del ritiro
‘Il conto alla rovescia è cominciato’, dice l’americana, che vuole concentrarsi sul suo ruolo di mamma
TRIATHLON
15 ore
Successi per il TriUnion ai Campionati svizzeri
Bronzo per Sasha Caterina (U23) e oro per Tiziana Rosamilia (U16)
CALCIO
16 ore
Sarà Netanya la sede della sfida tra Beer Sheva e Lugano
La partita, in programma giovedì e valida quale ritorno del terzo turno preliminare di Conference League, non si giocherà vicino alla Striscia di Gaza
Calcio
17 ore
Domani c’è la Supercoppa, Real Madrid favorito
A Helsinki (ore 21) le merengues affronteranno l’Eintracht Francoforte
CICLISMO
18 ore
Benoot si fa male in allenamento, Lampaert ancora malato
Piccola frattura cervicale per il belga della Jumbo-Visma, convalescente il suo connazionale della Quick Step
MOUNTAIN BIKE
18 ore
Europei, ci sarà anche Flückiger
Il vicecampione olimpico – ormai rimessosi dal Covid – ha cambiato idea
Calcio
18 ore
Thiago Alcantara fuori per alcune settimane
Infortunio alla coscia per lo spagnolo del Liverpool
Calcio
18 ore
Mertens firma col Galatasaray
Il belga lascia il Napoli dopo 9 stagioni
hockey
22 ore
‘Vado a Spokane per inseguire il sogno dell’Nhl’
Dopo cinque anni nelle giovanili dell’Ambrì e il debutto in National League (‘sotto la curva un sogno’), Tommaso De Luca tenta l’avventura nordamericana
© Regiopress, All rights reserved