laRegione
CHALLENGE LEAGUE
17.09.22 - 19:53
Aggiornamento: 18.09.22 - 11:26

Il Bellinzona crea, il Lucerna vince

I lucernesi passano il turno grazie a una rete di Sorgic, ma a meritare sarebbero stati i granata

di Matteo Giottonini
il-bellinzona-crea-il-lucerna-vince

Partita dalle mille emozioni al Comunale, con i granata vicinissimi all’impresa. Dopo 45’ senza grandi occasioni da rete, la ripresa si fa più scoppiettante e quasi sempre di marca granata: è soprattutto Pollero ad avere le occasioni migliori, ma Müller (e l’asta) gli negano il gol. Nei supplementari la stanchezza si fa sentire e a trovare il gol-vittoria è infine il Lucerna, grazia a Sorgic che al 117’ infrange i sogni granata. Mister Raineri mette in scena una formazione aggressiva, dimostrando di non avere alcun timore reverenziale nei confronti dei più quotati confederati, i quali a loro volta lasciano in panca ben pochi titolari, temendo i celebri scherzi che la Coppa Svizzera sa regalare. La differenza di categoria non si fa sentire: i granata, disciplinati e molto ben messi in campo, reagiscono bene alle offensive lucernesi. Nel ventoso pomeriggio bellinzonese – come nella miglior tradizione della città turrita – l’unico a rendersi realmente Pericoloso è Chader, a chiudere conclude una pregevole serie di scambi con una girata improvvisa. Con lo scorrere dei minuti il Bellinzona inizia a crederci sempre più, mettendo radici nella metà campo avversaria: i granata corrono molto più dell’avversario e il pallone circola quasi sempre tra i loro piedi. Dapprima è Samba a trovarsi da solo contro Müller – venendo però anticipato da due difensori – mentre poco dopo ci provano anche Mihajlovic e l’onnipresente Souza, con due violente conclusioni da lontano che finiscono di poco sopra la traversa.

Il Lucerna sperava forse in cuor suo di portarla a casa con il minimo degli sforzi, ma non ha fatto i conti con la "garra" del Bellinzona e con il suo continuare imperterrito a macinare gioco. Nella ripresa il copione non cambia, con Müller che si erge a salvatore della patria lucernese con una deviazione su colpo di testa di Pollero da pochi metri e poi – dopo un netto tocco di braccio di Dräger in area non ravvisato da Horisberger – con un secondo miracolo, sempre dopo un’incornata della scatenata punta uruguagia. Nell’occasione il pallone viene deviato sul palo, evitando quello che sarebbe il meritatissimo vantaggio granata. Il finale è incandescente: a 10’ dal termine il Lucerna troverebbe quella che sarebbe l’indebita rete del vantaggio con Ardaiz (prontamente annullata per fuorigioco di due suoi compagni) mentre poco dopo a far strepitare i tifosi granata è Pollero, il cui colpo di testa si stampa sulla traversa. A pochi secondi dal
termine è invece Kiassumbua che compie un prodigio salvando su Gentner e poi su Ardaiz. Niente di fatto e tutti ai supplementari, dove il Lucerna decide di darsi da fare, approfittando della stanchezza dei granata e trovando infine il modo di passare con Sorgic, dopo che Pollero lascia correre un pallone che avrebbe dovuto spazzare via. Mentre le ombre si allungano sul Comunale, cala la notte anche per il Bellinzona: la sua avventura in Coppa Svizzera termina qui. La delusione traspare dalle parole di capitan Mihajlovic: "È davvero peccato perdere così. Abbiamo dato l’anima, giocando con la mentalità che ci ha trasmesso Baldo. Potevamo sicuramente segnare, e prendere un gol così ci fa male. È comunque una prestazione che fa morale: abbiamo visto che giocare contro squadre di Super League non è niente di particolare. Peccato anche per il rigore che non ci hanno dato: non so perché non ci sia il VAR, dato che anche noi siamo professionisti. A ogni modo, dobbiamo ancora crescere ma siamo consapevoli di essere forti".

Bellinzona - Lucerna (0-0) 0-1
Reti: 107’ Sorgic 0-1
Bellinzona: Kiassumbua, Andrea Padula (91’ Manis), Izmirlioglu, Guillermo Padula, Mihajlovic (C), Tosetti (46’ Doldur), Romero, Centinaro (105’ Chacón), Souza, Samba (105’ Tia), Pollero
Lucerna: Müller, Dräger, Burch, Jaquez (106’ Beka), Frydek (98’ Meyer), Jasari (C), Dorn, Meyer (61’ Abubakar, 98’ Campo), Kadak (61’ Ardaiz), Sorgic, Chader
Arbitro: Horisberger
Note: Comunale, 2’002 spettatori. Ammoniti: 26’ Tosetti, 49’ Chader, 55’ Jaquez, 95’ Ardaiz, 95’ Romero, 95’ Burch, 108’ Sorgic, 112’ Guillermo Padula, 124’ Jasari
Bellinzona privo di Cortelezzi (infortunato); Lucerna privo di Klidjé, Beloko (infortunati), Simani, Schürpf (squalificati);

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Tennis
3 ore
Bollettieri, il fabbricatore di campioni
Vita, metodi, successi e segreti del più celebre allenatore della storia del tennis, scomparso pochi giorni fa a 91 anni
gallery
sci freestyle
5 ore
L’addio di Nicole Gasparini alle gobbe: ‘Non ne avevo più’
La 25enne ticinese si ritira: ‘Un po’ di paura del cambiamento c’è, ma ora mi accorgo di aver vissuto moltissime esperienze’.
I mondiali dal divano
5 ore
Siamo tutti marocchini (almeno una volta nella vita)
La vittoria del Marocco contro la Spagna può anche essere vissuta come una sorta di rivalsa dei migranti contro i padroni di casa
Volley
12 ore
Alla Riveraine il Lugano sfiora uno storico successo
Grande reazione delle ragazze di Apostolos Oikonomou sul campo del capolista Neuchâtel, che (a fatica) riesce a spuntarla soltanto al tiebreak
Qatar 2022
15 ore
Messi: ‘I tifosi ci danno la carica’
La Pulce ricorda l’importanza dei supporter alla vigilia del quarto di finale contro l’Olanda
unihockey
15 ore
Solo il Ticino di Tomatis festeggia il successo
I rossoblù sconfiggono il Langenthal Aarwangen, ma poi si arrendono all’Eggiwil. Verbano battuto da Thun e Grünenmatt.
Qatar 2022
16 ore
Brasile-Croazia, classe contro compattezza
Nel primo quarto di finale, i balcanici affrontano i lanciatissimi sudamericani
Tennis
16 ore
Wawrinka spianatutto, dopo Berrettini sconfigge anche Rublev
Il vodese si regala le semifinali al torneo esibizione negli Emirati Arabi, dove domani contenderà al russo Daniil Medvedev il posto nell’atto decisivo
Hockey
17 ore
Ambrì, il ritorno (inatteso) di Claude Julien
Da domani, e per una dozzina di giorni, il sessantaduenne tecnico che si è fatto un nome nella Nhl tornerà a dispensare consigli alla Gottardo Arena
qatar 2022
17 ore
La Nazionale è ritornata in Svizzera
Giocatori e staff sono atterrati a Kloten, dove sono stati accolti da amici, parenti e tifosi
© Regiopress, All rights reserved