laRegione
Canada
Marocco
16:00
 
Croazia
Belgio
16:00
 
CALCIO
11.09.22 - 18:31
Aggiornamento: 18:49

Il Wankdorf non porta fortuna, Lugano sconfitto senza attenuanti

Lo Young Boys domina da capo a piedi una compagine bianconera incapace di reggere in difesa e inconsistente in attacco.Peggiore prestazione della stagione

il-wankdorf-non-porta-fortuna-lugano-sconfitto-senza-attenuanti

Come ti rovino un pomeriggio al Wankdorf. Se quattro mesi fa l’ultima apparizione del Lugano nello stadio bernese si era tramutata in apoteosi per la conquista della Coppa Svizzera, questa volta non c’è stata partita, ma a subire la supremazia dell’avversario è toccato ai bianconeri, i quali hanno incassato la quinta sconfitta stagionale in Super League. Una sconfitta delineatasi dopo appena 1’16", il tempo necessario allo Young Boys per infilare la prima rete, su centro di Ugrinic (bravo a credere di poter raggiungere un pallone destinato sul fondo), "spizzata" di Itten e comodo tocco da centro area di un Nsame lasciato troppo libero.

Il primo tempo è andato avanti sullo stesso canovaccio, con i padroni di casa ad attaccare e il Lugano a difendersi. Anche se al 3’, nella prima azione dopo aver incassato il gol di Nsame, i bianconeri si sono creati l’unica opportunità dei primi 45’: centro di Celar e Sabbatini, tutto libero a un passo da Von Ballmoos, non ha trovato la deviazione aerea. Per il resto, lo Young Boys è andato vicino al raddoppio già al 7’ con una conclusione da fuori area di Ugrinic, deviata da Ziegler e che ha costretto Saipi a un ottimo intervento, poi all’11’, sull’ennesima palla persa dagli ospiti, con Itten che all’altezza del dischetto del rigore ha concluso a colpo sicuro, ma il pallone gli è uscito troppo centrale e Saipi ha potuto deviare ancora una volta.

Il Lugano ha provato a reagire, ma non è mai riuscito a rendersi pericoloso: troppi gli errori in fase di costruzione che hanno frustrato sul nascere tutte le azioni (per altro, davanti Celar è sembrato un fantasma, con una serie di palloni persi in modo a volte davvero irritante).

Al 41’, l’azione del raddoppio bernese: Rüegg si è fatto tamponare in area da Haile-Selassie e il direttore di gara non ha esitato a indicare il dischetto del rigore. Dagli undici metri la battuta di Itten è stata perfetta, per un 2-0 che, a ben guardare, sta pure stretto agli uomini di Wicky.

Nella ripresa poco o nulla è cambiato. Al 51’ difesa bianconera ancora bucata, con conclusione di Imeri, presentatosi davanti a Saipi, e deviazione sulla linea di Mai che ha messo in angolo. Il 3-0 è arrivato al 64’: ripartenza di Itten, la cui conclusione è stata respinta da Saipi, con palla però tornata sui piedi di Nsame, il quale a porta vuota non ha potuto esimersi dall’insaccare. Al 74’ primo sussulto degli ospiti, con un lancio di Ziegler ben controllato di petto da Amoura: l’algerino, però, tutto solo davanti a Von Ballmoos, ha sparato clamorosamente al lato. Al 78’ una bella conclusione al volo di Bislimi è stata deviata con le parti basse da Rüegg: un gesto tecnico, quello del bianconero, che avrebbe meritato miglior fortuna.

Il Lugano torna dunque da Berna con le pive nel sacco. Una sconfitta sulla quale meditare, al termine di una prestazione che è probabilmente stata la peggiore della stagione.

Young Boys - Lugano (2-0) 3-0

Reti: 2’ Nsame 1-0. 41’e Itten (rigore) 2-0. 64’ Nsame 3-0.

Young Boys: Von Ballmoos, Rüegg (89’ Blum), Ali Camara, Lustenberger, Benito; Niasse (70’ Sierro); Imeri (76’ Rrudhani), Rieder, Ugrinic; Nsame (70’ Elia), Itten.

Lugano: Saipi; Arigoni, Mai, Daprelà, Ziegler; Doumbia (72’ Mahmoud), Sabbatini (81’ Bislimi), Steffen (61’ Mahou), Bottani, Haile-Selassie (46’ Macek); Celar (61’ Amoura).

Arbitro: Wolfensberger

Note: 31’120 spettatori. Young Boys senza Garcia, Zesiger (squalificati) e Fassnacht (infortunato). Lugano senza Valenzuela, Facchinetti e Hajrizi (infortunati). Ammoniti: 8’ Niasse. 74’ Ali Camara. 80’ Rieder. 93’ Mahou. 94’ Arigoni.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
3 ore
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera-Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
10 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
16 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
20 ore
Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento
Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
21 ore
L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale
I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
21 ore
Pelé di nuovo ricoverato
O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
22 ore
Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion
Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
23 ore
In silenzio Xhaka e Shaqiri
L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
23 ore
La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi
Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
1 gior
Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere
Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
© Regiopress, All rights reserved