laRegione
CALCIO
30.03.22 - 13:59
Aggiornamento: 14:29

Mondiale biennale? Il Congresso Fifa non ne discuterà

La riforma tanto contrastata da giocatori, Uefa e Conmebol, è stata messa in un cassetto e non sarà presentata al tavolo della riunione di domani a Doha

mondiale-biennale-il-congresso-fifa-non-ne-discutera

La Fifa non ha inserito il progetto del Mondiale biennale nell’ordine del giorno del Congresso in programma domani a Doha. Una scelta che lascia aperta l’ipotesi di un cambio di strategia in merito a una riforma fonte di grande perplessità, in particolare da parte delle star del pallone, così come delle federazioni di Europa e Sudamerica.

A questo punto è lecito chiedersi se la decisione rappresenti una semplice messa in stand by, oppure un abbandono definitivo. La Fifa, però, non si sbottona ed è impossibile ottenere una chiara risposta in merito alla reale volontà di raddoppiare la Coppa del mondo, programmata ogni quattro anni dalla sua prima edizione nel 1930 (nel 1991 per il settore femminile). Resta il fatto che dello scottante dossier non vi è nemmeno l’ombra nei documenti relativi al Congresso che riunirà le 211 federazioni affiliate alla Fifa. «Per tutti gli attori del calcio, una Coppa del mondo ogni due anni fuori questione. Sono contento che lo abbia capito anche la Fifa», aveva affermato a inizio marzo il presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin, persuaso che il progetto fosse ormai stato archiviato alla voce "non s’ha da fare".

Molti funzionari all’interno degli organi di governo del pallone condividono questa opinione, soprattutto perché la Fifa aveva già deciso a dicembre di non programmare un voto al suo Congresso di Doha, e non ha nemmeno intenzione di discutere la revisione del calendario internazionale per il 2024.

Questo desiderio di temporeggiare – se non proprio di seppellire la questione – contrasta con il lancio la scorsa estate di uno "studio di fattibilità" su una Coppa del Mondo biennale. Tuttavia, la Fifa insiste sul fatto che tenere una finale di un grande torneo ogni estate, alternando tra la Coppa del Mondo e le competizioni continentali come l’Euro e la Copa America, sarebbe "vantaggioso per tutti".

In dicembre, l’organismo mondiale ha promesso a ciascuna delle sue federazioni, in caso di riforma accettata, 19 milioni di dollari in più per ciclo quadriennale, quadruplicando così il loro "finanziamento solidale" da 6 a 25 milioni di dollari. La federazione internazionale ha negato che il progetto mirasse soltanto ad aumentare gli introiti, ma ha insistito sulla necessità di offrire ai giocatori più "opportunità di brillare", riducendo inoltre il numero di pause internazionali imposte ogni anno ai club. Dal profilo politico, l’organizzazione si è anche posizionata come l’unico baluardo contro le crescenti disuguaglianze sportive e finanziarie esistenti nel pianeta calcio, accaparrandosi in tal modo il sostegno delle federazioni africane e asiatiche.

Lega transatlantica delle Nazioni?

Ma l’Uefa si era subito posta a capo del fronte del no, ed era stata presto raggiunta dalla sua controparte sudamericana (Conmebol), e poi dal World Leagues Forum, che riunisce circa quaranta leghe professioniste, e da un certo numero di altre organizzazioni. Le questioni sollevate erano state molte: che impatto avrebbe la riforma sulla salute fisica e mentale dei giocatori, sull’economia delle competizioni nazionali, sui club costretti a liberar i loro internazionali, sui tifosi che spendono denaro e vacanze per accompagnare le loro Nazionali? «Per noi non si tratta di un’idea proponibile, quindi è inutile discuterne: non esiste», ha detto martedì il qatariota Nasser Al-Khelaïfi, presidente del Psg e della potente European Club Association (Eca).

Un dibattito che ha travalicato i confini del calcio. A metà ottobre, il Comitato internazionale olimpico (Cio) aveva espresso preoccupazione per una Coppa del Mondo che stava invadendo ulteriormente il territorio di altri sport.

Qual è la via d’uscita per la Fifa? Altre opzioni in esame includono un ritorno della Confederations Cup, un mini-torneo di otto nazioni giocato tra il 1992 e il 2019, o un’espansione della Uefa Nations League, creata nel 2018, che ingloberebbe squadre americane. Ma per il momento «non ci sono state discussioni concrete», ha detto all’Afp una fonte a conoscenza dei negoziati, soprattutto perché gli organismi sportivi si sono dovuti chinare da fine febbraio sulle sanzioni senza precedenti prese contro la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CROSS
1 ora
Roberto Delorenzi vince a Moghegno
La prova generale dei Campionati svizzeri di cross 2024 nobilitata dalla presenza di alcuni talenti confederati protagonisti delle prove di Cross Cup
BASKET
3 ore
Juwann James, quando il senso del dovere è più forte del dolore
Asterischi a margine della finale di Sbl Cup vinta dalla Spinelli Massagno. Lo statunitense avrebbe meritato il riconoscimento di Mvp
COSE DELL’ALTRO MONDO
4 ore
Eagles e Chiefs staccano il biglietto per il Super Bowl
Philadelphia supera San Francisco colpito dalla sfortuna, Kansas City si prende la rivincita su Cincinnati grazie a uno stupido fallo
Hockey
5 ore
Il Davos rinforza la difesa con Aaron Irving
Il ventiseienne canadese arriva dal SaiPa in Finlandia e si è accordato con i gialloblù fino al termine della stagione
Calcio
8 ore
Un mese di stop per Allan Arigoni
Il terzino del Lugano ha subito una lussazione acromion-clavicolare di secondo grado della spalla sinistra
IL DOPOPARTITA
19 ore
Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’
Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’
HOCKEY
21 ore
Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto
La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
22 ore
Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa
Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
1 gior
La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno
A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
1 gior
L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’
I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
© Regiopress, All rights reserved