laRegione
Sciaffusa
0
Thun
0
fine
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
2
fine
(6-4 : 4-6 : 3-6)
SANDGREN T./TORPEGAARD M.
0
KAMKE T./STRICKER D.
0
fine
Sciaffusa
0
Thun
0
fine
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
2
fine
(6-4 : 4-6 : 3-6)
SANDGREN T./TORPEGAARD M.
0
KAMKE T./STRICKER D.
0
fine
sommer-ci-mette-le-mani-la-nati-il-cuore-e-ferma-l-italia
05.09.21 - 22:490

Sommer ci mette le mani, la Nati il cuore e ferma l'Italia

Davanti ai 31'500 spettatori del St. Jakob-Park la Svizzera di Yakin si dimostra più forte anche delle numerose assenze e conquista un punto prezioso (0-0)

Grande prova di cuore della Svizzera che nonostante le numerose e pesanti assenze a Basilea ha tenuto in scacco l'Italia campione d'Europa, mantenendo intatte le proprie possibilità di chiudere al primo posto (sinonimo di qualificazione diretta) il gruppo C delle qualificazioni Mondiali, che al momento vede proprio gli Azzurri al comando con 11 punti, quattro in più dei rossocrociati (che hanno però giocato due partite in meno). Uno 0-0 quello del St. Jacob-Park (tutto esaurito, 31'500 spettatori rigorosamente in possesso del certificato Covid) figlio di una partita di sofferenza da parte degli uomini di Murat Yakin, ma anche di coraggio, perché contro un avversario tecnicamente superiore (e di molto) hanno comunque provato a giocarsela a viso aperto. Credendo anche nel colpaccio, ma infine accogliendo comunque con il sorriso un punto portato a casa anche (soprattutto) grazie alle innumerevoli parate di un grandissimo Sommer, compreso un rigore su Jorginho.

Difesa a quattro e Aebischer a metà, Azzurri quasi come a Roma

Costretto dalle assenze dei vari Freuler (squalificato), Xhaka (positivo al coronavirus), Cömert, Shaqiri, Embolo, Gavranovic, Mbabu e Benito (problemi fisici), a pescare anche tra le seconde linee, Murat Yakin ha deciso di rispolverare come preannunciato la difesa a quattro, formata da Widmer, Elvedi, Akanji e Rodriguez davanti a Sommer. A centrocampo la scelta più sorprendente con la titolarizzazione del giocatore dello Young Boys Michel Aebischer (quinta volta in rossocrociato, la prima dall’inizio), schierato a fianco di Fabian Frei (richiamato all’ultimo dopo la positività di Xhaka e che non vestiva la maglia della Nati dal marzo 2018) e Sow, relegando quindi in panchina Zakaria. A sostegno dell’unica vera punta Seferovic, Zuber (il migliore contro la Grecia) e Steffen, quest’ultimo in evidenza con il suo club (il Wolfsburg) e preferito ad esempio a Vargas e a Fassnacht.

Dal canto suo Roberto Mancini si è affidato al collaudato 4-3-3 che ha portato gli azzurri al titolo europeo, schierando Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini ed Emerson davanti a Donnarumma; Barella, Jorginho e Locatelli in mezzo al campo; Berardi, Immobile e Insigne nel tridente d’attacco. Vale a dire a parte l’infortunato Spinazzola nel ruolo di terzino sinistro, l’undici di partenza che all’Euro aveva inflitto una vera e propria lezione ai rossocrociati.

Primo tempo: Italia nettamente superiore, Sommer tiene in piedi la Svizzera

In un St. Jacob infuocato come non lo si vedeva da tempo (31’500 spettatori, tutto esaurito), l’Italia ha prevedibilmente subito preso in mano le redini del gioco, mentre la Svizzera ha innanzitutto pensato a non scoprirsi. Al 14’ dopo due parate di Sommer su Immobile e Insigne al termine di un’azione comunque viziata da fuorigioco, lo stesso attaccante della Lazio ha provato la conclusione dal limite, sparando però alle stelle. La prima vera occasione è arrivata cinque minuti dopo, quando dopo un calcio d’angolo mal gestito dai rossocrociati, Berardi è clamorosamente partito da metà campo (su lancio di Locatelli) presentandosi a tu per tu con Sommer, bravo ad andare a terra solo al momento giusto intercettando il piatto sinistro dell’attaccante del Sassuolo. Il dominio azzurro è proseguito (altri due interventi di Sommer, sul tiro centrale ancora di Berardi e in uscita ad anticipare Immobile), mentre l’unica sortita offensiva dei padroni di casa è stato un cross di Widmer finito direttamente tra le braccia di Donnarumma e un’opportunità (dopo rilancio errato di Di Lorenzo) mal gestita da Steffen e Seferovic. Di tutt’altra fattura le giocate italiane, come ad esempio il palleggio tra Locatelli e Immobile che al 34’ ha portato al tiro a giro fuori di un niente di Insigne. Così come di pochissimo è uscita la più grande occasione elvetica della prima frazione, il colpo di testa di Akanji sul pallone pennellato al centro da Frei che ha sfiorato l’incrocio alla destra del portiere del Psg. Prima della pausa, c’è ancora stato il tempo per l’ennesimo intervento di Sommer, chiamato in causa dalla punizione velenosa di Insigne.

Secondo tempo: Sommer ipnotizza Jorginho e la Nati cresce

Pronti via e dopo nemmeno cinque minuti della ripresa Rodriguez l’ha combinata grossa: cercando di rimediare a un pallone perso malamente, il numero 13 è intervenuto in scivolata all’interno dell’area su Immobile, prendendo sì il pallone ma anche il piede dell’attaccante avversario. Rigore confermato dal Var e Jorginho contro Sommer, con quest’ultimo che si è confermato eroe della partita intercettando la maldestra (va detto) conclusione del centrocampista del Chelsea. Attorno all’ora di gioco Yakin ha poi risposto al doppio cambio di Mancini (dentro Zaniolo e soprattutto Chiesa, per Immobile e Berardi) inserendo a sua volta Vargas, Zakaria e Garcia al posto di Zuber, Sow e Rodriguez (quest’ultimo in chiara difficoltà). E qualche minuto dopo pure Fassnacht per Steffen. Nuovi interpreti ma il protagonista non è cambiato, visto che al 72’ è stato ancora Sommer a intercettare in due tempi la conclusione del numero dieci ospite. Le forze fresche hanno comunque dato nuovi impulsi ai rossocrociati, che hanno iniziato a presentarsi con più frequenza dalle parti di Donnarumma. Senza riuscire a impensierirlo più di tanto, è vero (Zakaria ci ha provato ma ha trovato solo l'esterno della rete, con deviazione di Donnarumma), ma tenendo perlomeno il pallone un po' più lontano dalla propria zona difensiva. Ne è scaturito un finale equilibrato pieno di rapidi ribaltamenti di fronte che non hanno però rotto l'equilibrio.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
HOCKEY
2 min
‘Sarà una battaglia, come sempre’
Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
Hockey
2 ore
Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo
Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
Hockey
3 ore
Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora
Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
3 ore
Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale
Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
5 ore
Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil
Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
7 ore
Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen
Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
8 ore
L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni
Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
14 ore
Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio
Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
21 ore
Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna
I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
21 ore
A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto
Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile