laRegione
04.12.22 - 19:03
Aggiornamento: 19:22

La Sam e un weekend che è un bell’affare

Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra

di Dario ‘Mec’ Bernasconi
la-sam-e-un-weekend-che-e-un-bell-affare
Ti-Press/D.Agosta
Andjelkovic e compagni allungano il passo

La Sam Massagno mantiene la leadership allungando a +4 in classifica il margine anche sul Vevey, sconfitto dal Boncourt, garantendosi così la prima posizione per gli spareggi che porteranno alle Final Four di Montreux. Nulla da fare per i decimati Tigers in quel di Ginevra, con un 94 a 75 eloquente nelle cifre ma con buone cose in casa bianconera. Pur se la Spinelli ha avuto una partita molto complicata a Nyon, in perfetta sintonia con le preoccupazioni espresse da Gubitosa alla vigilia. In una giornata dove il tiro degli esterni non è certamente funzionato al meglio, il 3/11 di Williams e il 7/16 di Marko Mladjan sono due esempi, ma stride anche il 2/6 di Kovac, ai minimi stagionali in fatto di conclusioni, come il 3/9 di Dusan Mladjan, diciamo che la squadra ha vinto con l’esperienza. In effetti il Nyon non avrebbe demeritato avendo condotto la gara per oltre 30 minuti, riuscendo ad avere anche un margine di 12 punti a metà del terzo quarto, 56 a 44. Ma poi la qualità dei ticinesi è emersa e, con una difesa un po’ più attenta, è maturata la vittoria finale per 71-75.

Una gara subito in salita con il Nyon a scappare a +8 a metà primo quarto, 19-11. Vantaggio che cala a un solo punto, 34-33 al 7’, prima di un parziale di 9-3 che porta lo score sul 43-36 a metà gara. La rincorsa della Sam si ferma al 4’ (45-42) con Kovac, perché poi i vodesi piazzano un 11-2 per il 56-44, +12 al 5’ del terzo quarto. Reazione dei ticinesi che infilano un 4-12, con la tripla di Dusan Mladjan al 30’, e 5-0 in entrata di ultimo quarto con un 2+1 di Martino: parziale di 4-17 a cavallo dei due quarti, micidiale. Il Nyon sta in scia sino al 66 pari al 5’. Poi un 5-0 per Massagno che con la tripla di Martino va a +5 (66-71) all’8’, il Nyon torna in parità a 56" dalla sirena ma sono i fratelli Mladjan (Marko da 2 e Dusan 2/2 nei liberi) a firmare la vittoria, con i padroni di casa a litigare col ferro: 71-75 e primato consolidato.

Il Lugano, arrivato a Ginevra senza Warden e Ross, aveva poche speranze ma tanta buona voglia di giocarsela. I Tigers sono stati presi subito con decisione dai ginevrini con un 15 a 6 al 6’ e +12 alla prima pausa, 25 a 13. Divario che è salito gradatamente fino a +22, 46 a 24 al 6’ e a +21 a metà gara. Percentuali del 56% contro 39% e soli 3 giocatori a punti per i Tigers. Con le dovute differenze legate al risultato, va detto che nel secondo tempo il Lugano ha giocato alla pari con i padroni di casa, con 16 punti messi a segno dal trio Bernardinello, Mina e Bracelli. Chiaramente le strapotere fisico sotto le plance, alla fine 43 rimbalzi contro 31, ha fatto la differenza in secondi tiri e contropiedi. Però i ragazzi di Montini hanno lottato sino alla fine e questo è un segnale di maturità importante e utile per andare avanti bene.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
7 ore
Maxim Noreau finisce sui francobolli. In Sierra Leone
Il difensore canadese ex Ambrì ha la sua faccia su un bollo da cinquanta centesimi in Africa. ‘Perché? Davvero non lo so, ma nessuno mi ha chiesto nulla’
Atletica
8 ore
In Polonia gli elvetici fanno la loro bella figura
A Torun, nel meeting valido per l’Indoor Gold Tour, Ditaji Kambundji centra il limite per gli Europei, mentre Elmer firma il miglior tempo della carriera
Calcio
9 ore
Mondiale per club, è il Real il secondo finalista
Gli spagnoli sconfiggono gli egiziani dell’Al Ahly grazie alle reti di Vinicius Junior, Valverde e – nei minuti di recupero – Rodrygo e Arribas
SCI ALPINO
11 ore
A soli 37 anni si è spenta Elena Fanchini
Malata da tempo, la sorella maggiore di Nadia si è dovuta arrendere a una recidiva del tumore ed è morta nella sua casa in provincia di Brescia
Formula 1
11 ore
Nessun bavaglio nel Circus. ‘Oguno può dire ciò che pensa’
In un’intervista al britannico The Guardian, Stefano Domenicali si schiera a favore della libertà d’espressione dei piloti, invitando la Fia a chiarire
Sci
12 ore
Lo scettro di Lara raccolto da Marta Bassino
Nel superG iridato, la ticinese detentrice del titolo chiude solo sesta. Giovedì tocca ai maschi, con Marco Odermatt in pole position
Tennis
13 ore
Abu Dhabi, Belinda ai quarti senza soffrire
La sangallese, numero nove al mondo, non incontra alcuna difficoltà nel superare l’ucraina Marta Kostjuk (numero 57 Wta), battuta 6-4 7-5
Ciclismo
15 ore
Il Velo Club Mendrisio fra tradizione e sfide del presente
Il presidente Alfredo Maranesi: ’Ormai ci sono pochissime gare, la stampa si interessa sempre meno, e di conseguenza fatichiamo a trovare sponsor’
Hockey
15 ore
Giovane, inesperta Svizzera. ‘Spero che (i club) apprezzino’
A Zurigo la Nazionale di Fischer si prepara ad affrontare la Finlandia con qualche artista in meno del solito. ‘Forechecking aggressivo e più semplicità’
Altri sport
15 ore
Sgambetto riuscito, il Biasca sale a quota 22 punti
Continua la serie positiva dei rivieraschi, che confermano di avere la difesa più solida del campionato e mettono sotto anche il temibile Ginevra
© Regiopress, All rights reserved